Live Sicilia

AGRIGENTO

Giudice investito al Giro d'Italia
Morto dopo 24 giorni di agonia


giro d'italia morto gudice, investito al giro d'italia morto, leo d'amico morto, morto giudice investito al giro d'italia, morto leo d'amico, morto leo d'amico giro d'italia, Agrigento, Cronaca

Era stato investito da un'auto che aveva forzato le transenne che delimitavano il percorso.

VOTA
0/5
0 voti

CALTANISSETTA - È morto stamattina, dopo 24 giorni di agonia, Leo D'Amico, il motociclista di 48 anni commissario di gara del Giro d'Italia investito lo scorso 9 maggio ad Agrigento, poco prima della partenza della quinta tappa, all'interno di una strada transennata e chiusa al transito.

A seguito dello schianto D'Amico, originario di Sambuca di Sicilia (Ag), aveva subito la frattura di diverse costole e un trauma cranico e dopo un intervento chirurgico d'urgenza In tutto questo periodo D'Amico è stato tenuto in coma farmacologico. Nelle scorse ore le sue condizioni si sono improvvisamente aggravate.

Con la morte del motociclista il procuratore aggiunto di Agrigento Salvatore Vella ha modificato il capo d'imputazione a carico dell'automobilista che ha investito D'Amico,il settantenne agrigentino Gaetano Agozzino: da lesioni colpose gravissime a omicidio stradale.