Live Sicilia

LA VICENDA

Voleva ricattare Justine Mattera
Giovane messinese condannato


franco trentalance, justine mattera, justine mattera ricattata, messinese ricatta justine mattera, ricatta justin mattera, Cronaca, Messina

Si era finto il pornostar Franco Trentalance su Facebook per chattare con la showgirl.

VOTA
0/5
0 voti

MILANO - "È accostabile alla tentata estorsione" la vicenda che, in secondo grado, ha portato a una condanna a 1 anno e 2 mesi di carcere per Antony Repici, il giovane originario di Messina che spacciandosi per il pornostar Franco Trentalance è riuscito a chattare su Facebook con la showgirl Justine Mattera per poi cercare di costringerla a "spogliarsi" e a ottenere "prestazioni sessuali online" attraverso un "fittizio profilo Skype" minacciando, in caso contrario, di rendere pubblici "i contenuti delle conversazioni" su Fb "ritenuti compromettenti". Lo scrive la quarta Corte d'Appello di Milano, presidente Marina Caroselli e giudici a latere Franca Anelli e Antonella Lai, nelle motivazioni della sentenza di condanna con rito abbreviato - per il quale c'è uno sconto di un terzo della pena - nei confronti di Repici che nella seconda metà del 2011, epoca di questa e di una vicenda fotocopia - si era finto il ciclista Filippo Pozzato per agganciare la scrittrice di romanzi Irene Cao -, aveva 22 anni. Per lui, di cui senza "dubbio" viene affermata la responsabilità penale, le accuse sono sostituzione di persona e violenza privata.

Nel suo provvedimento la Corte ha spiegato, tra l'altro, che "è ben vero che la pena-base (quella 'lorda' da cui scalare un terzo, ndr.) si discosta significativamente dal minimo edittale" pensato dal legislatore per il reato di violenza privata, "ma ciò si giustifica per le connotazioni 'in fatto' del caso che lo rendono accostabile", riguardo all'episodio in cui è stata vittima la show girl, alla più grave tentata estorsione. E questo perché, scrive la Corte, "la minaccia di diffondere in rete imbarazzanti colloqui personali, accompagnati da eloquenti videoriprese a contenuto erotico, non solo lede (...) la sfera sessuale della persona ma rende l''intimazione' gravemente ed efficacemente" vessatoria "perché il sotteso potere ricattatorio amplifica la lesione toccando altri ambiti della libertà di autodeterminazione". I giudici, però, hanno ridimensionato la pena, diminuendola di sei mesi rispetto al primo grado, per i fatti meno gravi. (Ansa)