Live Sicilia

Il caso

Rifiuti, Orlando contro la Regione
"Conflitto senza precedenti"


anci musumeci rifiuti, anci regione rifiuti, anci regione sicilia rifiuti, differenziata palermo, orlando differenziata, orlando musumeci rifiuti, orlando rifiuti, porta a porta palermo, rifiuti palermo, rifiuti sicilia

Il sindaco di Palermo e presidente dell'Anci: "Non si scarichino le colpe sui Comuni".


PALERMO - Orlando va alla guerra dei rifiuti. Non si è fatta attendere la risposta del sindaco di Palermo e presidente dell’Anci alla nuova ordinanza della Regione che, oltre a certificare lo scontro con Roma sulla gestione dell’immondizia isolana, segna una nuova frattura con i comuni su cui verranno scaricati i costi di ritardi e inefficienze. Sul banco degli imputati le città più grandi, ossia Palermo, Catania e Messina.

"I numeri della raccolta differenziata a Palermo negli ultimi mesi dimostrano che, grazie alla collaborazione e all'impegno corale delle istituzioni, la situazione può migliorare progressivamente e costantemente – dice Orlando in una nota, prima di passare al contrattacco - Se questo metodo di collaborazione non è politicamente più condiviso e se qualche burocrate regionale pensa di scaricare sui Comuni e sui sindaci le responsabilità di 15 anni di mortificazione dei cittadini e dei comuni e di assenza di Piani adeguati e impianti indispensabili, si rischia di innescare un conflitto tra istituzioni senza precedenti, del quale faranno le spese i cittadini prima di tutti”.

E poi via con i dati della Rap: il porta a porta al Massimo e al Politeama è passato da 1,6 tonnellate di aprile alle quasi due di maggio, con un incremento di un punto percentuale. Miglioramenti anche nelle altre zone del porta a porta: 47,2% di differenziata ad aprile, ma il mese successivo si è toccata quota 52%; in centro città si è andati dal 26,3 al 58%; in viale Strasburgo si è già al 65%. Il 14 giugno toccherà invece al Borgo Vecchio e alla parte sul mare del centro storico, con la campagna di informazione e distribuzione dei kit e la raccolta che partirà a novembre. Novità anche per Mondello e Sferracavallo alle porte dell’estate: dopo la differenziata porta a porta per i commercianti, i netturbini passeranno di notte, tre volte a settimana, per l’umido coinvolgendo anche lidi balneari e circoli.

Capitolo a parte merita la rimozione degli ingombranti, con il record di 46mila pezzi prelevati anche se il fenomeno dell’abbandono selvaggio è sempre diffusissimo: ecco perché Rap e vigili urbani agiranno insieme per pizzicare chi lasciare sui marciapiedi mobili e divani.