Live Sicilia

Amministrative

Elezioni, 26 comuni alle urne
Tutte le sfide nel Palermitano


elezioni amministrative 2018, elezioni comunali 2018, elezioni comunali provincia di Palermo 2018, elezioni partinico, elezioni provincia di palermo, elezioni sindaco marineo, Politica, Palermo

Ecco i candidati che aspirano alla fascia di sindaco.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Ventisei comuni, oltre 120.000 cittadini chiamati alle urne e 304 posti da consigliere comunale. Sono questi i numeri della tornata 2018 delle Amministrative palermitane: un appuntamento, fissato per oggi e per il 24 giugno (in caso di ballottaggio), che in Sicilia riguarderà grandi città come Catania, Messina, Ragusa, Siracusa e Trapani, ma che nel territorio attorno al capoluogo di Regione vede coinvolti centri medi e piccoli. Poche le donne, molti i candidati civici e numerose le spaccature nei partiti che, specie nei paesi più piccoli, si dividono fra i vari nomi.

La città più grande a tornare al voto, in provincia di Palermo, sarà Partinico, unica interessata al proporzionale e quindi all’eventuale secondo turno. A raccogliere l’eredità del commissario Maurizio Agnese sarà il vincitore di una sfida a otto: in corsa ci sono l’ex deputato Mpa Pietro Rao, Mauro Nicolosi appoggiato da Leu e da pezzi della sinistra, l’uomo del centrodestra Maurizio De Luca, Maria Grazia Motisi, Gaetano Costanzo, il civico Salvo Nobile, il presidente del consiglio Filippo Aiello e Gaetano Porcasi. Un caso assai particolare, quello di Partinico, dove si registra una spaccatura fra i grillini (la lista ufficiale del Movimento sostiene Costanzo, mentre “Giovani Meetup” appoggia Porcasi) ma anche fra i dem: il Pd è diviso in quattro, con singoli esponenti a sostegno di Nicolosi, Aiello, Motisi e De Luca.

A Capaci la sfida invece sarà a due, dopo la scelta dell’uscente Sebastiano Napoli di non ricandidarsi: da un lato l’ex sindaco e presidente del Gal Pietro Puccio, sostenuto dal centrosinistra, e dall’altro l’ex assessore Erasmo Vassallo. Non sarà della partita il M5s. Cinque i candidati a Casteldaccia: ci proveranno l’ex deputato regionale ed ex primo cittadino Giovanni Di Giacinto (centrosinistra), Giuseppe Clemente del M5s, Maurizio Nasca, Giuseppe Guttilla e Carmelo Frascati.

A Campofelice di Roccella correranno l’ex deputato di Forza Italia Giuseppe Di Maggio, Michela Taravella di area Pd e il grillino Calcedonio Scacciaferro. Castronovo di Sicilia vedrà sfidarsi Vitale Gattuso e Vito Sinatra;  a Cerda concorreranno Salvatore Geraci, Salvatore Cicero e l’ex sindaco Mario Cappadonia. Collesano sarà contesa dall’ex sindaco Giovanni Battista Meli, dal commissario uscente Domenico Mastrolembo Ventura e da Michele Iannello, sostenuto dal Pd locale.

Per Lercara Friddi si sfideranno l’uscente Giuseppe Ferrara e il centrista Luciano Marino, per Marineo l’ex deputato Pd ed ex sindaco Franco Ribaudo e il vicesindaco uscente Antonino Greco, per Montemaggiore Belsito l’ex sindaco Giuseppe Scaccia e Antonio Mesi. A Torretta l’uscente Salvo Gambino (vicino a Sicilia Futura) dovrà vedersela con Rosario Candela, Gianni Mannino e Rosa Maria Schiavo (civico-centrodestra), mentre a Villafrati l’uscente Francesco Agnello dovrà battere la concorrenza di Santo Salvatore Porcaro e Rosario Verciglio.

Ecco le sfide negli altri centri: l’ex sindaco Salvatore Scrivano (civico vicino al centrodestra) e Giuseppe Scelfo per Alimena; Salvatore Oddo, Santo Ciccarelli di centrosinistra e Fortunato Basile a Baucina; Rosa Maria Della Vita e l’uscente Giuseppe Oddo (area Pd)  a Campofiorito; Anna Fucarino e Leonardo Spera (centrosinistra) a  Contessa Entellina; Gaetano Scancarello e Luigi IuppaGeraci Siculo; Raffaele De Vincenzi del Pd e Rosamaria Giordano Roccapalumba; Enzo Passafiume e Roberto Baragona Sciara. E ancora Renato Mancuso del centrosinistra e Salvatore Militello Ustica, l’uscente Antonio Rini e Giovanni Cavera Ventimiglia di Sicilia e Giuseppe Bongiorno e Antonino Miceli a Vicari.

Completa il quadro il Comune più piccolo al voto, ossia  Cefalà Diana, che vedrà sfidarsi Mario Costanza e Giuseppe Virgilio Cangialosi. Ci sono poi comuni in cui il candidato è unico e l’unico vero sfidante sarà il quorum: Giuliana Francesco Scarpinato, a Gratteri l’ex sindaco Giuseppe Muffoletto, a Sclafani Bagni Giuseppe Sollazzo.