Live Sicilia

LA POLEMICA

La canzone del vescovo di Noto
Il musicista: "Non mi ha pagato"


antonio cospito, antonio cospito musica, indimenticabile sei canzone vescovo, vescovo di noto, vescovo staglianò, Cronaca, Siracusa
Antonio Cospito (Foto Facebook)

Dalla diocesi parte una diffida. "I proventi dovevano andare in beneficenza".

VOTA
0/5
0 voti

SIRACUSA - Ha accettato di musicare e arrangiare il brano "Indimenticabile Sei" scritto dal vescovo di Noto, Antonio Staglianò, ma, dice ora, ''non sono mai stato pagato". Antonio Cospito, dehoniano orante (consacrato della famiglia Dehoniana), residente a Cuneo, aveva sin da subito rinunciato agli eventuali ricavi del brano: "Ogni ricavato dell'opera musicale 'Indimenticabile Sei' era stato stabilito con il vescovo sarebbe stato interamente versato all'Elemosineria Apostolica di Papa Francesco - spiega Cospito -. Ma io ho coinvolto dei musicisti, abbiamo registrato il brano in uno studio in Liguria. Abbiamo avuto dei costi a cui il vescovo aveva assicurato avrebbe fatto fronte''.

Staglianò, 58 anni, calabrese, ordinario di teologia sistematica, autore di numerose pubblicazioni su fede e teologia, ma anche di poesie e decaloghi molto spesso rivolti a temi sociali, è un appassionato di musica. Ha cantato durante le sue omelie canzoni di Noemi e Mengoni e con la chitarra al collo ha suonato e cantato in diverse occasioni. ''Lui adesso - spiega Cospito - ha presentato il brano anche in trasmissioni televisive nazionali ma non mi ha più pagato e non mi risponde al telefono. Al contrario ho ricevuto una lettera del suo avvocato".

Dalla Diocesi di Noto, infatti, è già partita una diffida nei confronti di Antonio Cospito anche se il vescovo preferisce non rilasciare alcuna dichiarazione. "Il vescovo - spiega don Fortunato Di Noto, vicario episcopale dell'ufficio Fragilità e disagio sociale - è stato contattato da questa persona e si è fidato. E quando gli è stato proposto di destinare il ricavato alla carità del Papa non ha esitato. Poi però questa persona ha cominciato a gestire la comunicazione inerente questo brano in maniera del tutto autonoma. Allora lo abbiamo diffidato a non utilizzare più il nome del vescovo". Nessuna somma era stata pattuita? "Assolutamente no - risponde -. Il vescovo non ha mai preso nessun accordo economico con questa persona. Purtroppo in buona fede si è fidato e questo è stato il risultato". (ANSA).