Edicola

S n. 52

S n. 52
Formato: PDF
Prezzo (€): 1,59

Nota: Al termine della procedura di pagamento su Paypal cliccare su "Ritorna alla pagina" per effettuare il download del file.

Oppure puoi abbonarti a tutti gli 11 numeri

Abbonati
Metodi di pagamento accettati:
Metodi di pagamento accettati

In caso di disservizi vogliate contattarci allo 091/6118735 o inviare un'e-mail all'indirizzo info@livesicilia.it

L'inchiesta sui Grandi eventi, quella su Elio Lupo e il fascicolo sulle operazioni finanziarie che hanno portato la Regione fra le braccia del colosso giapponese Nomura. Alla procura di Palermo tre indagini puntano i riflettori su politica e burocrazia alla Regione: il nuovo numero di “S” rivela i retroscena dei tre faldoni, che rischiano di far saltare un sistema, e i nomi che si nascondono nei documenti in possesso dei magistrati. A partire dai ruoli di due funzionari regionali, ma senza trascurare le responsabilità della politica, che appare sempre sullo sfondo delle tre inchieste.

Nella rivista ampio spazio anche all'inchiesta sull'omicidio di Enzo Fragalà: adesso gli investigatori si concentrano sulla pista rom. Un immigrato è stato sentito in carcere dai magistrati, che sono stati messi su questa strada da un suo compagno di detenzione. Ampio spazio anche alle inchieste sulla criminalità organizzata, a partire dai due giovani emergenti arrestati negli ultimi anni, Sandro Lo Piccolo e Gianni Nicchi: gli ultimi dettagli sulla loro latitanza, che possono portare i magistrati a incastrare i loro favoreggiatori, emergono dalle intercettazioni e dagli appostamenti delle forze dell'ordine. Per la sezione politica, infine, un viaggio nella Catania del dopo-Lombardo, una città lacerata dagli scontri, e l'intervista all'assessore regionale all'Economia Gaetano Armao, che fa il punto sul rischio default per la Sicilia.

Nella rivista, inoltre, uno speciale di sedici pagine è dedicato al ventennale delle stragi. “S” ha voluto ricordare Paolo Borsellino, Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti morti con loro in via D'Amelio e a Capaci chiedendo a due magistrati, Lorenzo Matassa e Gaetano Paci, di raccontare il loro 1992: un punto di vista inedito su quella stagione terribile, rivissuta nella forma del racconto in prima persona.

Gli ARRETRATI

Anno: