Live Sicilia

BANCHE

Bpi, via filiali in Sicilia se non rendono


VOTA
0/5
0 voti

bpi, sicilia, Economia, Le brevi
Il Banco Popolare potrebbe vendere i circa 120 sportelli siciliani della Popolare di Lodi se le filiali non miglioreranno il loro rendimento o, in ogni caso, qualora ricevesse un'offerta interessante. E' quanto ha spiegato il consigliere delegato Pier Francesco Saviotti nel corso di un dibattito organizzato nell'ambito della 'Settimana veronese della finanza'. Saviotti ha detto di aver "posto all'amministratore delegato della Popolare di Lodi la condizione che non possiamo tenere una valanga di sportelli che rendono poco: o vengono fatti rendere o li vendiamo". "Certo che - ha aggiunto l'ad - se viene qualcuno e mette la grana sul tavolo glieli diamo. Abbiamo bisogno di patrimonio". Gli sportelli siciliani, scesi da "141 a 126" a causa di alcune chiusure, non sono l'unica possibile cessione del Banco che, tra le sue priorità, ha sottolineato Saviotti, ha quella di "rafforzare il patrimonio" in modo da renderlo "più aderente alle regole che entreranno in vigore alla fine del 2012". Al riguardo, ha osservato il banchiere, "c'é un dialogo in corso per la cessione della Cassa di Risparmio di Pescara, iniziato già da un mesetto e che dovremmo tradurre in un accordo", con il conseguente aumento del capitale di "17-18-19 basis point". In vendita ci sono poi la Popolare di Crema e di Cremona per cui "se dovessero arrivare delle offerte interessanti vedremo di iniziare la trattativa". "Non siamo interessati a svendere o regalare - ha chiarito l'ad - venderemo se ci sarà il prezzo che ci va bene". Tra gli asset sul mercato c'é infine Efibanca per la cui cessione era stata già stata intavolata una trattativa, poi saltata, con Barclays.