Live Sicilia

IL DISASTRO DELL'ATR 72

I parenti: "Si faccia piena luce"


VOTA
0/5
0 voti

atr72, capo gallo, palermo, Le brevi
A cinque anni dal disastro aereo dell'Atr 72 della Tuninter (il Bari-Djerba precipitato in mare al largo di Palermo il 6 agosto 2005 perché senza carburante, 16 morti e 23 feriti), i legali delle parti offese auspicano che "si faccia piena luce sulle numerose zone d'ombra rimaste fuori dalle tematiche processuali, anche a fini preventivi". Il Tribunale di Palermo ha condannato in primo grado sette dei nove imputati, tutti tunisini, a pene comprese tra i dieci e gli otto anni di reclusione per disastro aviatorio, omicidio plurimo colposo e altri reati. Il pool costituito dagli avvocati Amenduni, Ghiro, D'Astici e Persico, in attesa che venga fissata la data dell'inizio del processo d'appello - dichiara Nicky Persico - rileva che "indipendentemente dagli esiti dell'appello, il capillare lavoro svolto dagli investigatori, e tutti i dati in esso contenuti, faccia scaturire effetti extra processuali". In particolare che gli enti preposti alla sicurezza del volo - tra cui Enac (Ente nazionale aviazione civile), Ansv (Agenzia nazionale sicurezza volo) e Easa (Ente europeo sicurezza aerea) - "oltre a quanto già fatto, valutino l'adozione di ulteriori iniziative". "Il sacrificio di 16 persone e di tutti coloro colpiti dalla tragedia - conclude Persico - sia il più utile possibile alla comunita". Una cerimonia di commemorazione si terrà in serata a Bari a parco Perotti.