Live Sicilia

PALERMO

Condannato Giovanni Pastoia, figlio del boss suicida


VOTA
1/5
1 voto

armi, condanna, giovanni pastoia, Le brevi, Palermo
La prima sezione della Corte d'appello di Palermo, presieduta da Giancarlo Trizzino, ha confermato la condanna a 2 anni e 4 mesi di Giovanni Pastoia, figlio del capomafia di Belmonte Mezzagno Francesco, fedelissimo del boss Bernardo Provenzano, morto suicida in carcere. Era accusato di detenzione di arma clandestina e ricettazione. L'arma, una pistola, è stata trovata nell'abitazione di Belmonte in cui il boss viveva, insieme al figlio, prima di essere arrestato. Dagli accertamenti dei carabinieri è emerso che era stata rubata nel 1961 e che non avrebbe mai sparato.