Live Sicilia

Villa Filippina, le telecamere di Uno Mattina

Festival della legalità
La prima giornata


VOTA
0/5
0 voti

festival della legalità, legalità, palermo, villa filippina, Cultura e Spettacolo
Sette giorni di dibattiti, mostre, incontri e spettacoli con un unico filo conduttore: la lotta alla mafia e alla criminalità organizzata. Torna a Palermo, per il terzo anno consecutivo, il “Festival della Legalità”. Evento che quest’anno vanta, tra gli altri, anche il patrocinio del Senato della Repubblica. Dal 4 al 10 ottobre, per sette giorni, nella splendida cornice di Villa Filippina in piazza San Francesco di Paola, magistrati, imprenditori, giornalisti ed esponenti delle associazioni antiracket racconteranno storie di mafia e di antimafia. Con l’obiettivo di promuovere e divulgare una cultura basata sui valori della legalità.

L’inaugurazione del “Festival della Legalità” sarà seguita eccezionalmente, lunedì 4 ottobre, a partire dalle 9.00, dalle telecamere di Rai Uno che si collegherà con Villa Filippina all’interno della trasmissione “Uno Mattina”.

Alle 11.00 è in programma il primo di una serie di incontri a cadenza quotidiana,  dedicati agli studenti delle scuole palermitane di primo e secondo grado. In occasione del primo confronto dal titolo “La legalità è un sorriso”, i giovani delle scuole dialogheranno con i vertici di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza dinanzi ad un testimonial del “sorriso” d’eccezione: il comico Sasà Salvaggio. Moderatore sarà Mario Caminita, direttore artistico di Radio Time.

Alle 17.00 si inaugura l’appuntamento pomeridiano con le letture della legalità. Ad affrontare il tema della lotta alla criminalità in ogni sua forma partendo dalla loro ultima novità editoriale saranno Giuseppe Baldessarro e Manuela Latì, autori di “Avvelenati” – libro-inchiesta sul traffico di rifiuti e sulle “navi dei veleni”. Alle 18.00 sarà la volta di “Profondo nero” scritto a quattro mani da Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza: un viaggio nei misteri della Seconda Repubblica partendo dalla morte di Enrico Mattei.

Alle 19.00 è in programma la presentazione de “Il patto” di Nicola Biondo e Sigfrido Ranucci: la storia di Luigi Ilardo, un infiltrato dentro Cosa nostra negli anni delle stragi e della trattativa. I dibattiti saranno moderati dai giornalisti Andrea Cottone, Claudio Reale e Salvo Toscano.

Alle 19.30 si inaugura la collettiva “L’arte della Legalità” a cura del critico Marina Giordano. Quattro artisti siciliani, il fotografo Domenico Aronica, il videoartista Carlo Cislaghi, il pittore Antonio Micciché, la fotografa e videoartista Maria Domenica Rapicavoli, utilizzano ciascuno la propria tecnica espressiva per affrontare il tema della legalità. L’esposizione resterà allestita per tutta la durata del Festival. Alla stessa ora, taglio del nastro anche per la mostra fotografica dedicata a don Peppe Diana, sacerdote ucciso dalla camorra, ospitata dalla Campania per iniziativa della Fondazione Progetto Legalità.

Alle 21.00 è in programma la prima nazionale dello spettacolo teatrale “Il bambino del sentiero”, tratto dall’omonima pièce di Giancarlo Licata, opera finalista della 50ma edizione del Premio Riccione Teatro – il più autorevole riconoscimento per la scrittura contemporanea. La storia si dipana dal crollo di un palazzo avvenuto in Sicilia nel 1939, il giorno della vigilia di Natale. L’unico sopravvissuto è Gino, figlio del magistrato Nino Saglieri, che divenuto avvocato e mosso dalla forza e dal coraggio della legalità, pressa sulla Procura e fa riaprire le indagini riuscendo a dimostrare che dietro l’attentato c’era la mafia. La regia è affidata a Rinaldo Clementi. Nel cast Stefania Blandeburgo, Roberto Burgio, Rinaldo Clementi e Paolo La Bruna. Le musiche sono di Antonio Guida e Al Madina.
Per tutta la durata del “Festival della Legalità”, inoltre, sarà allestito a Villa Filippina l’Addiopizzo Village, lo spazio espositivo dedicato ai commercianti che hanno detto no al racket. A fornire, per sette giorni, ai giovani delle scuole informazioni sul percorso da seguire per avviare un’impresa ci penserà invece lo Sportello curato da Sviluppo Italia Sicilia.

L’ingresso a Villa Filippina in occasione degli  appuntamenti in programma lunedì 4 ottobre 2010 è libero.

Info: Tel. 091.6116565 – Cell. 346.7216610