Live Sicilia

Il guidatore del Tir si dispera

L'autista: "Non ero ubriaco"


VOTA
0/5
0 voti

autista, mondello, palermo, tir, Cronaca
Sotto choc anche l'autista del mezzo che ha seminato morte a Mondello, Enrico D'Alessandri, 34 anni. ''Non so cosa è accaduto - ha detto ai carabinieri - Sono disponibile a sottopormi all'etilometro. Non ero ubriaco e non ho preso droghe''. Al momento, comunque, la causa più probabile del tragico incidente, sembra l'eccessiva velocità.

''Se il problema fossero stati i freni - spiega un investigatore - il mezzo, che veniva da una discesa ripida, non sarebbe riuscito a fare la rotatoria e si sarebbe schiantato contro l'area verde in cui termina la strada''. E, invece, la motrice ha imboccato la curva, ma non è riuscita a completarla, ed è andata dritta, travolgendo l'auto parcheggiata davanti al Mida e trascinandola per alcuni metri, sfondando l'accesso alla spiaggia attrezzata e salendo sulla piattaforma di legno che si è trasformata in una sorta di trampolino. La nonna e i due bambini, con lei c'era anche un altro nipotino che era distante ed è rimasto completamente illeso, erano proprio davanti all'ingresso del lido e sono stati investiti in pieno davanti a decine di bagnanti che ancora frequentano la spiaggia.

Una scena apocalittica, raccontano i testimoni che hanno prestato i primi soccorsi. ''Abbiamo sentito come un'esplosione e in pochi secondi si è consumata una tragedia. Il Tir andava velocissimo, almeno a 90 chilometri orari e non ha accennato a frenare: lo prova l'assenza di segnali di ruote sulla strada'', racconta Vincenzo Baglione, direttore del circolo Albaria che si trova di fronte al club. ''Mi sono subito precipitato in spiaggia - continua - e c'era una scena terribile: bambini che piangevano, persone che urlavano e che cercavano i figli''. Il tir si è fermato, sulla spiaggia, a pochi metri da un bambino di un anno e mezzo ''figlio di un dipendente del Mida - precisa Baglione -. Un miracolato. Il padre lo ha abbracciato sotto choc''. Del Mida, posto sotto sequestro per i rilievi, resta ben poco. ''Se fosse accaduto qualche settimana fa - dice un testimone-, quando la spiaggia era piena, sarebbe stata una tragedia ancora più grave''.