Live Sicilia

Palermo, scontri al liceo classico Umberto

Prc: "I pm facciano luce sul caso"


VOTA
0/5
0 voti

liceo classico umberto, palermo, scontri, Cronaca, Palermo
Per la Federazione del Prc di Palermo l'arresto dei tre studenti universitari, Cesare, Francesco e Ruggero, durante il presidio antifascista di sabato scorso della rete 'Red block' davanti al Liceo Umberto, dove sono intervenuti agenti della Digos, "non può essere assolutamente liquidato come uno scontro tra opposti estremismi". "Rifondazione respinge il tentativo di omologare l'azione dei giovani fermati - si legge in una nota - a quella di frange violente e si appella alla magistratura perché faccia piena luce sui fatti del Liceo Umberto". "In verità - sostiene il Prc - non c'é stato alcuno scontro tra opposte fazioni ma un pesante intervento degli agenti che, al rifiuto di alcuni ragazzi di fornire i documenti, hanno letteralmente acchiappato alcuni di loro facendo uso, come asseriscono le testimonianze dei presenti di tecniche di bloccaggio solitamente riservate a pericolosi criminali. I ragazzi fermati sono stati tradotti in Questura e trattenuti. Tre di loro sono stati rilasciati nella tarda serata di sabato, altri tre invece sono stati posti in stato di arresto e saranno processati oggi per direttissima". "Nel dichiarare la nostra solidarietà ai ragazzi e alle loro famiglie - conclude la nota - intendiamo sottolineare il clima pesante che si registra in queste settimane in città. Il governo Berlusconi non riconquisterà la popolarità perduta mettendo la mordacchia alla civile protesta dei cittadini". I tre studenti arrestati sono accusati di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale e manifestazione non autorizzata.