Live Sicilia

Alcuni stralci dell'intervista incriminata

Da Kabul a Crisafulli


Presentiamo alcuni stralci dell'intervista al presidente Raffaele Lombardo, pubblicata sull'Espresso in edicola (QUI la versione integrale). Così il lettore di Livesicilia potrà farsi un'idea autonoma sulle parole del governatore di Sicilia.

VOTA
0/5
0 voti

crisafullli, raffaele lombardo, Politica
Kabul e il Pd
"Se trascorressi 15 giorni a spasso per Kabul mi sentirei in vacanza, tanto la mia vita è complicata: me ne stanno facendo vedere di tutti i colori. Ma qualunque cosa ordiranno, vado avanti su questa strada. Compromessi zero. Tant'è che ho varato una giunta di tecnici sostenuta da Mpa, Fli, Udc di Casini, Api di Rutelli e dal Pd: almeno dalla sua ala antimafia, maggioritaria".

Cuffaro e Crisafulli (e Bianco e Miccichè)
"Crisafulli e Totò Cuffaro sono fratelli siamesi. Bianco ce l'ha con me perché nel 2005 l'ho fatto perdere appoggiando Scapagnini sindaco a Catania. Micciché ha ricucito col Cavaliere ma non può tornare a casa perché lo aspettano per fargli la festa gli Alfano, Schifani e dintorni: così s'è inventato Forza del sud, sorta di "sindacato giallo": meridionalista a parole, giura fedeltà eterna a Berlusconi, quindi in fondo alla Lega".

Alfano
"E Alfano è sceso in campo in prima persona: in Sicilia deve avere solo vassalli, e un presidente autonomista gli rompe i giochi. Ascarismo, si chiama questa struttura culturale e psicologica: campieri che vessano i siciliani per presentarsi a Roma, col cappello in mano, a riscuotere dai padroni".

Prestigiacomo
(domanda) E Stefania Prestigiacomo, che il suo senatore Giovanni Pistorio chiama ministra... (risposta)"Per la devastazione dell'ambiente". "La Prestigiacomo è molto affezionata ad alcune realizzazioni nella sua area di Augusta. In particolare a un rigassificatore a Priolo, Erg, cioè Garrone, più Shell, e a un termovalorizzatore".

Giustizia a orologeria?
"Sa quando comincia la mia vicenda giudiziaria? Quando assesto un colpo micidiale sul piano dei rifiuti. Bloccati i termovalorizzatori, una partita da 5-6 miliardi di euro, mi ritrovo sul tavolo la richiesta dell'Agenzia regionale rifiuti, diretta da un uomo dell'ex-presidente Totò Cuffaro, di rimborsare comunque le aziende, la Falck e le altre scelte nella gara fasulla di cui parla Pecorella, per le spese che avrebbero sostenuto nei siti dove dovevano sorgere i termovalorizzatori: un conto da 329 milioni".