Live Sicilia

CATANIA

Ha ucciso un esponente del cosca dei Cursoti. Arrestato un uomo


VOTA
0/5
0 voti

Catania, crisafulli, cursoti, mafia, omicidio, Le brevi
Agenti della squadra mobile della Questura di Catania hanno notificato in carcere a Francesco Crisafulli, 49 anni, un ordine di custodia cautelare per l'uccisione di Nicola Lo Faro, cognato del boss Giuseppe Garozzo e indicato dalla polizia come reggente della cosca dei Cursoti, assassinato il 4 maggio del 2009 nell'ambito di una faida mafiosa. Per quell'omicidio sono stati già arrestati Sebastiano Lo Giudice, Orazio Privitera, Antonino D'Acquino e Gaetano Musumeci. Sono stati quest'ultimi due, poi diventati collaboratori di giustizia, a svelare il ruolo che Crisafulli avrebbe avuto nell'agguato: aveva pedinato la vittima e fatto da staffetta ai sicari con la propria auto. Il provvedimento restrittivo, emesso dal Gip Antonella Romano, su richiesta dei sostituti procuratori della Dda etnea Giovannella Scaminaci e Pasquale Pacifico, è stato notificato in carcere a Crisafulli che è stato arrestato il 22 ottobre scorso nell'ambito dell'operazione antimafia Revenge contro la cosca Cappello-Carateddu, organizzazione criminale alla quale, secondo l'accusa, l'indagato sarebbe passato dopo avere abbandonato il clan Santapaola.