Live Sicilia

Agenda P.

Sarò sindaco, ecco perché


Da oggi LiveSicilia è in grado di informare i lettori sul programma elettorale di uno dei più accreditati candidati alla poltrona di sindaco di Palermo. Non sveleremo il nome ma siamo venuti in possesso del suo palmare con dentro tutti i dati sensibili e insensibili. Un vero e proprio contratto con i palermitani che, a puntate, pubblichiamo in esclusiva.


, Cronaca, Palermo, Politica
Da oggi LiveSicilia è in grado di informare i lettori sul programma elettorale di uno dei più accreditati candidati alla poltrona di sindaco di Palermo. Non sveleremo il nome ma siamo venuti in possesso del suo palmare con dentro tutti i dati sensibili e insensibili. Un vero e proprio contratto con i palermitani che, a puntate, pubblichiamo in esclusiva. In questa prima puntata tutte le priorità da affrontare e risolvere nel giro della prima settimana di sindacatura.

- Piste ciclabili per tutti.

- Macchine fotografiche per me.

- Esternalizzare riunioni di giunta (camper, sottopassi, rudere di via Saline).

- Catering palazzo delle Aquile con pizzette bar Costa.

- Istituire biciclette blu invece di auto blu.

- Togliere da Villa Niscemi ritratti antiquati di vecchi sindaci e mettere galleria di fotoP.

- Attenzione: voglio sette punti all'ordine del giorno di ogni giunta. Sette, che non siano sei, che non siano otto. Sette!!!

- Far trasmettere dirette di giunta da Zapping.

- Ricordare a Donatella di registrare stasera dopo le 24 il programma su Sky canale 358.

- Ricordare a me stesso che la Donatella da avvertire non è la stessa Donatella di Diego C.

- Chiedere a Bastiano (Barone Gomme) se vuole fare l'assessore al Traffico.

- Chiedere al maestro figlio di Palermo,Pietro Ballo, se vuole Bastiano assessore al Traffico.

- Ricordarsi di non finanziare nulla a Villa Filippina.
 




articoli correlati

11 I rumors elettorali

Il sindaco Pepi

Sicilia Informazioni (LEGGI QUI) riprende le voci e le notizie sui presunti candidati a sindaco di Palermo e cita un papabile: "Infine, Giovanni Pepi. Se dovesse prevalere il bisogno di scegliere un outsider, fuori dalla fureria di partito, il candidato sarebbe lui o il rettore Lagalla. Pepi si candiderebbe in concomitanza alla sua uscita dal Giornale di Sicilia, che fa gola a Zonin e all’editore di Milano Finanza, Turano". E' ancora presto, ma c'è già una certezza. In via Lincoln farebbe il pieno di voti.