Live Sicilia

POLITICA

Due giovani del Pdl lasciano il partito. Giovane Italia: "Buttano il limone dopo averlo spremuto"



canzoneri, giancarlo russello, giovane italia, palermo, pdl, Le brevi
“Non mi sorprende assolutamente la lettera pubblicata dal sito di Generazione Italia a firma dei due ex dirigenti giovanili della Giovane Italia Gabriele Vitale e Gaetano Canzoneri che già da tempo avevano preferito altre strade. Mi sorprende, invece, la mancanza di eleganza e di rispetto nei confronti di un intero movimento giovanile che per dieci lunghissimi anni è stato la loro casa”. Lo dichiara Giancarlo Russello, portavoce regionale della Giovane Italia Sicilia. “Dispiace leggere di mancanza di legalità all’interno di un partito che da quando è al Governo ha ottenuto risultati mai visti nella lotta alle criminalità organizzate. Dispiace dover leggere di assenza di meritocrazia all’interno del partito e del suo movimento giovanile da parte di due ex dirigenti che per dieci lunghissimi anni hanno gestito il movimento a Palermo senza creare loro stessi nessuna nuova generazione. Dispiace, ancora, dover leggere di un odio da parte del nostro coordinatore nazionale, Francesco Pasquali, proprio quando lui stesso ha usato pazienza e disponibilità nei confronti di questi due dirigenti che senza alcun rispetto hanno fatto scelte diverse senza mai essere stati chiari prima”. “Il movimento giovanile del Pdl cresce e si rigenera con giovani amministratori e non. Si rigenera con volti nuovi che si sono spesi per il movimento stesso e per il partito”. “Non mi piace l’idea di dover buttare il limone dopo averlo spremuto. Mi piace l’idea della costruzione di un movimento che oggi ci appartiene e che domani apparterrà a chi ci sarà dopo di noi”. “A Vitale e Canzoneri vanno i miei migliori auguri per la nuova avventura che oggi, ricorrenza della marcia su Roma, hanno deciso di intraprendere insieme, con la speranza che possano da altre parti costruire ciò che non hanno saputo fare nella Giovane Italia”.