Live Sicilia

Cefalù

"Città in mano a incompetenti"
Scontro tra vescovo e sindaco


VOTA
0/5
0 voti

cefalù, manzella guercio, palermo, sindaco, vescovo, Cronaca
Il vescovo attacca la "malaburocrazia" e denuncia le colpe della politica.
Il sindaco di Cefalù, Giuseppe Guercio, risponde: "Parole generiche e, per certi aspetti, poco aderenti alla concreta situazione attuale".

Il confronto, con qualche misurato tono polemico, ha preso le mosse dall'intervento di monsignor Vincenzo Manzella che, a conclusione dei festeggiamenti patronali, dal sagrato del Duomo ha invocato la protezione del Santissimo Salvatore per liberare la città "dall'indifferenza, dagli arrampicatori, dagli incompetenti". Enumerando i tanti problemi di Cefalù, il vescovo ha poi esortato la città ad attuare il detto popolare "aiutati che Dio ti aiuta" e, rivolto agli amministratori, ha detto che per gestire le emergenze occorrono "ali di aquila" e non "ali di farfalla". Le parole di monsignor Manzella sono state accompagnate dagli applausi della folla e dall'imbarazzo degli amministratori.

Sono ora diventate il punto d'avvio di un botta e risposta tra il vescovo e il sindaco. A monsignor Manzella risponde infatti Guercio con una lettera aperta nella quale nega che Cefalù sia "in mano a predoni e conquistatori". Guercio sottolinea il rischio che il monito si presti a "facili strumentalizzazioni" e desti "l'impressione che il vescovo, saltando imprudentemente la logica del principio della laicità dello Stato, abbia voluto direttamente interferire nella cosa pubblica e quasi preparare un ribaltone o un'alternativa politica".