Live Sicilia

guasto il traghetto della siremar

Turisti bloccati a Lampedusa,
annunciato il ricorso collettivo


VOTA
0/5
0 voti

lampedusa, siremar, traghetto, turisti, Agrigento, Cronaca
I turisti che questa mattina dovevano imbarcarsi sul traghetto di linea in servizio da Lampedusa a Porto Empedocle, la cui partenza era prevista per le 10.00, hanno avuto la spiacevole sorpresa di non trovare la nave. I passeggeri lamentano che nessuna informazione preventiva è stata fornita dalla Siremar, che gestisce i collegamenti marittimi con le Pelagie, e denunciano la mancata assistenza da parte della società di navigazione.

Gli utenti si sono rivolti telefonicamente allo Sportello del Turista di Confconsumatori, che ha già dato loro i primi consigli e che successivamente li assisterà. "Siamo alle solite - ha dichiarato l'avvocato Carmelo Calì, Presidente di Confconsumatori Sicilia - i turisti trattati come carne da macello. Al danno del disservizio della mancata partenza, si aggiunge la beffa della mancata informazione e della mancata assistenza. I turisti sono stati abbandonati al loro destino, si tratta di un fatto gravissimo".

La Siremar ha reso noto che la nave da Porto Empedocle non è partita ieri sera per un "guasto tecnico". La compagnia di navigazione aggiunge che si sta cercando di risolvere il problema e che il traghetto dovrebbe partire già questa sera. Circa l'assenza di informazioni lamentata dai turisti, che stamane hanno protestato per la mancata assistenza, la Siremar sostiene che il guasto tecnico è avvenuto in tarda serata e quindi è stato impossibile potere avvertire i passeggeri. I passeggeri dovrebbero riuscire a partire da Lampedusa domattina, se il guasto verrà riparato entro oggi.

"Finirà in tribunale la vicenda dei turisti che dovevano imbarcarsi sul traghetto Siremar di linea in servizio da Lampedusa a Porto Empedocle, la cui partenza era prevista per le 10 e che invece hanno avuto la spiacevole sorpresa di non trovare la nave, bloccata da un guasto". Lo afferma Francesco Tanasi segretario nazionale Codacons. Tanasi ha messo a disposizione dei malcapitati turisti la "Task force sos turismo", ossia un pool di avvocati che assisterà gratuitamente i turisti per ottenere il risarcimento per i disagi e i danni subiti.