Live Sicilia

Arrestato a Palermo

Picchia selvaggiamente un musicista
e il titolare di un pub della "movida"



palermo. movida, violenza, Cronaca
Una violenza cieca. Terribile. Solo per un pelo non si è trasformata in tragedia in una zona della "movida", a Palermo. riferisce il comunicato della Questura: "Agenti della Polizia di Stato, in servizio presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, stanotte, hanno tratto in arresto
Pippo Di Stefano, 41enne pregiudicato palermitano di via del Parlamento, responsabile del reato di lesioni, resistenza, violenza e minaccia a Pubblico Ufficiale. Di Stefano, ieri sera, è stato autore di una selvaggia aggressione ai danni di un violinista che si stava esibendo sul marciapiede antistante un pub di via dei Chiavettieri e del titolare del locale.

I poliziotti, allertati dai numerosi avventori presenti all’atto dell’aggressione, sono intervenuti quando Di Stefano stava infierendo con calci e pugni sul titolare del pub all’interno del bagno del locale. Solo dopo averlo ammanettato ed immobilizzato, i poliziotti, uno dei quali colpito a sua volta allo zigomo con un violento pugno, hanno ricostruito quanto accaduto. Intorno a mezzanotte, quando era in corso di svolgimento l’esibizione del gruppo musicale, il violinista rumeno della band è stato proditoriamente colpito con ripetuti pugni e calci da Di Stefano fino a perdere i sensi e riprenderli poco dopo l’arrivo degli agenti; stessa sorte sarebbe toccata poco dopo ad uno dei titolari del pub giunto in soccorso del musicante.

Di Stefano, nel parapiglia generatosi, avrebbe persino infierito sul prezioso violino del rumeno sbattendolo a terra e lesionandolo in più parti. A generare la rabbia del Di Stefano, per altro non nuovo a simili scatti di violenza, lo schiamazzo provocato dai suoni ad alto volume provenienti dal pub e che avrebbero infastidito la quiete della zona e dei residenti, tra i quali lo stesso Di Stefano. Il desiderio di giustizia sommaria si sarebbe, pertanto, trasformato in cieca violenza indirizzata verso i due principali responsabili degli schiamazzi: il violinista ed il titolare del pub".