Live Sicilia

L'uomo della "Pizza connection"

Scarcerato e arrestato in due giorni
Rosario Gambino resta un caso


VOTA
0/5
0 voti

arresto, pizza connection, rosario gambino, scarcerazione, Cronaca, Palermo
E' durata solo due giorni la libertà di Rosario Gambino, 69 anni, membro dell'omonima e potente famiglia mafiosa di New York. Martedì scorso il tribunale della Libertà di Palermo lo aveva scarcerato e, oggi, gli uomini della squadra mobile di Roma lo hanno nuovamente arrestato in una clinica romana dove si trovava per fare accertamenti. L'ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dalla corte d'appello di Palermo, dove la Cassazione aveva rimandato, per la quarta volta, gli atti.

Gambino, infatti, è destinatario di un ordine di cattura firmato da Giovanni Falcone per traffico internazionale di droga. Il processo nei suoi confronti si è svolto in contumacia e lo ha visto condannato a 13 anni di reclusione. Ma, allo stesso tempo, Gambino è stato processato e condannato negli Stati Uniti per la “Pizza connection”, una delle più grandi operazioni antidroga del secolo scorso che ha visto lavorare fianco a fianco inquirenti italiani e statunitensi. Estradato nel 2009, Gambino è stato accolto dalle manette e chiuso in carcere a Parma.

Ma il suo caso è diventato “dottrinale”. Per quattro volte è finito di fronte alla Corte suprema, che ha sempre annullato i provvedimenti, invitando i giudici di Palermo a riesaminare il suo caso. L'ultima volta il 7 luglio scorso. Nel frattempo, però, Gambino versa in cattive condizioni di salute e l'ultimo periodo della sua detenzione l'ha trascorsa all'ospedale di Parma. La questione è controversa e riguarda la legittimità formale di un provvedimento emesso 30 anni fa, quando in Italia era in vigore un diverso sistema penale. A questo si aggiunge la questione sollevata dalla difesa di Gambino secondo la quale il processo “palermitano” nei suoi confronti si sarebbe svolto senza che l'imputato ne fosse a conoscenza. Così, dopo la scarcerazione di due giorni fa, scattano ancora una volta le manette per Gambino. Ma il caso resta aperto.