Live Sicilia

arriva l'ufficialità delle dimissioni di sogliano

Zamparini: "Il rapporto è alla frutta"
Ceravolo: "Un modo si potrebbe trovare"


Il Ds del Palermo ha rassegnato le proprie dimissioni. Chi sarà il suo successore? Segui in tempo reale gli aggiornamenti su Livesicilia.


, Cronaca, Palermo
Sean Sogliano non è più il direttore sportivo del Palermo. Il ds ieri sera ha rassegnato le dimissioni dopo gli ennesimi screzi con il presidente Maurizio Zamparini. Intervistato dall'Ansa, Zamparini ha detto: "Da Sogliano non ho ancora ricevuto nessuna comunicazione circa le sue dimissioni, ma ieri sera abbiamo parlato e mi sono reso conto che il nostro rapporto era arrivato alla frutta". Pochi minuti fa è arrivata l'ufficializzazione della società di viale del Fante.

Sogliano aveva già più volte manifestato l’intenzione di lasciare il club rosanero “stressato” dalle pressioni della piazza e del presidente. Una prima lite c’era già stata nell’ultimo giorno di mercato. Poi altri screzi dopo la sconfitta del Palermo a San Siro con il Milan, infine la lite pre Udine. Zamparini e Sogliano si sono visti, hanno cercato di chiarire, ma non hanno mai trovato una linea comune di pensiero. Sogliano ha quindi deciso di abbandonare la nave rosanero e rifugiarsi nella sua casa a Varese. Dimissioni che arrivano il 2 novembre, esattamente un anno fa giunsero anche quelle di Walter Sabatini, oggi alla Roma. Tempesta quindi in casa Palermo, anche perché senza ds una squadra rischia di ritrovarsi senza condottiero. Giovedì Zamparini in città.

Ancora crisi in casa Palermo, dunque. Girano già le prime indiscrezioni sul dopo Sogliano: si parla tanto dell’ex Juventus, Ceravolo, già in orbita Palermo prima di essere scavalcato proprio da Sogliano. Ceravolo ovviamente accetterebbe subito la causa rosanero. Adesso però c’è da valutare anche la posizione di Devis Mangia, che naturalmente è più solo dopo l’addio di Sean. A questo punto, la partita contro il Bologna per il giovane tecnico milanese potrebbe divenire fondamentale: se non fa risultato, rischia di saltare anche lui.

AGGIORNAMENTI

20.25 "Palermo è senza dubbio una piazza importante e molto stimolante dal punto di vista lavorativo, ma questo è solo un mio personale giudizio perchè - rispetto alle voci che sono circolate circa il mio nome come possibile sostituto di Sean Sogliano, queste sono totalmente infondate". Lo ha detto a reterete24.it l'ex direttore della Juventus Alessio Secco.

20.10 Tra i candidati per il dopo Sogliano ci sarebbe anche Gianluca Nani, che negli anni scorsi ha anche avuto un contatto con Zamparini prima dell'arrivo di Sabatini.

18.08 Ufficiale: domani Maurizio Zamparini sarà a Palermo e alle 12 terrà una conferenza stampa allo stadio Barbera. Il patron parlerà anche del possibile nuovo ds dei rosa.

18.05 Altri nomi girano attorno al Palermo per il dopo Sogliano. Dopo Ceravolo, ci potrebbe anche essere un'ipotesi interna con l'incarico di ds a Luca Cattani. Altra ipotesi anche quella che porta ad Alessio Secco, ex dirigente della Juventus.

17.20 Intanto il Palermo prosegue la preparazione e recupera pezzi in vista della sfida contro il Bologna. Abel Hernandez è tornato a lavorare con il gruppo e sarà quindi a disposizione di Mangia per sabato. Ancora terapie per Miccoli e Pinilla

16.45 Riccardo Sogliano, padre di Sean e dirigente sportivo come il figlio, ha espresso le sue sensazioni dopo le dimissioni presentate questa mattina dall’ormai ex ds del Palermo. “Io da padre posso soltanto dire che per me ha fatto bene. Non sono deluso o amareggiato, assolutamente. Sinceramente mi sento orgoglioso di mio figlio – ha ammesso “Ricky” Sogliano ai microfoni di Mediagol.it – ieri abbiamo mangiato insieme, l’ho trovato sereno e assolutamente convinto della sua scelta anche se è chiaro che il suo umore in questo momento non può essere dei migliori”.

15.15 Torna a parlare il vicepresidente rosanero, Guglielmo Miccichè: "Sogliano? Mi dispiace molto per lui, perché era un'occasione irripetibile a Palermo per quelle che sono nostre ambizioni. Zamparini lo lasciava lavorare e la nostra è una società sempre presente sul mercato. Mi dispiace per lui, lo ripeto, perde una grande occasione, ma lo stesso vale per il club perché Sogliano è una persona capace".

15.00 Rino Foschi, intervistato da Livesicilia, parla delle dimissioni di Sogliano: "Per lavorare con Zamparini ci vuole tanta elasticità, lui è un ottimo presidente ma per lavorare con lui ci vuole anche pazienza perché pretende tanto ma ti dà tanto. Mi dispice per Sogliano perché Palermo è un'ottima piazza".

12.55 Maurizio Zamparini domani sarà in città e intorno alle 12 (manca ancora la comunicazione ufficiale) incontrerà la stampa per parlare del delicato momento che sta attraversando il Palermo dopo le dimissioni di Sean Sogliano.

12.30 Sean Sogliano non è più ufficialmente il direttore sportivo del Palermo. Lo comunica la società: "L'U.S. Città di Palermo comunica che Sean Sogliano, a far data dal 1° novembre, ha rassegnato le sue dimissioni dalla carica di Direttore Sportivo. A Sogliano il ringraziamento per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune professionali".

11.50 Ceravolo parla a Radio Sportiva: "Non ho avuto contatti con nessuno, confermo che in estate ho avuto un colloquio con Zamparini ma da allora non l'ho più sentito. Sono voci forse basate sul mio contatto estivo con il Palermo ed il suo presidente, che è uno dei pochi che ha ancora voglia di investire nel calcio, ma in queste ore non ho avuto nessun nuovo colloquio, mentre quest'estate ero stato vicino ai rosanero, altro non so e non posso dire. Io ad oggi collaboro con il Siena, grazie al presidente Mezzaroma e al mio amico Perinetti, ma dal punto di vista regolamentare un modo si potrebbe trovare comunque per arrivare al Palermo".

11.20 Guglielmo Miccichè, vicepresidente rosanero, per adesso preferisce non commentare le dimissioni di Sean Sogliano: "Ci aggiorniamo fra un po', per adesso preferisco non parlare".

11.10 Scema la possibilità che Ceravolo possa andare al Palermo per succedere a Sogliano. Il dirigente è tesserato con il Siena e non può quindi cambiare, per regolamento, società.