Live Sicilia

ELEZIONI COMUNALI A PALERMO

Lombardo: "La prossima settimana
il candidato sindaco del Terzo polo"


VOTA
0/5
0 voti

comune palermo, elezioni, lombardo, parlavecchio, Palermo, Politica
Raffaele Lombardo scende in campo per le elezioni comunali di Palermo. Il governatore siciliano, in una conferenza stampa nella sede cittadina dell’Mpa, oltre ad aver ufficializzato il passaggio dall’Udc di Mario Parlavecchio e Agostino Genova, ha annunciato che la prossima settimana verrà presentato il candidato sindaco del Terzo polo.

Un annuncio che non sorprende, visto il niet di Rita Borsellino ad eventuali alleanze allargate che ha spinto Lombardo a chiedere al Pd “di far cambiare idea alla Borsellino: non è accettabile che metta alla porta altre formazioni politiche” alleate dei democratici all’Ars. Il governatore ha anche annunciato che verranno presentate due liste: una dell’Mpa e una civica a sostegno del candidato sindaco del Terzo polo. Per questo il presidente della Regione avrebbe fissato per la prossima settimana un summit per definire le candidature al consiglio comunale in vista delle prossime elezioni.

E si fanno sempre più insistenti le voci che vorrebbero Lombardo pronto a nominare un commissario che prenda il posto di Diego Cammarata. Indiscrezione in parte confermata dallo stesso governatore, che ha ammesso “che l’atto ispettivo ha rilevato gravi anomalie nella gestione del comune. La giunta avvierà un esame attento della relazione”. Mossa che potrebbe non essere necessaria se, come riportano alcune voci, il sindaco dovesse dimettersi già la prossima settimana.

La conferenza è stata l’occasione per ufficializzare il passaggio di Mario Parlavecchio, deputato regionale e ex segretario provinciale dell’Udc, e di Agostino Genova, consigliere comunale di Palermo e ex segretario cittadino dei centristi. “Avevamo due deputati eletti a Palermo – ha detto Lombardo - che hanno scelto strade diverse. Per carità, scelte legittime ma che nel nostro Mpa non saranno più possibili. Esaurita la naturale evoluzione del nostro movimento faremo un partito di militanti che sanciranno un patto, violarlo sarà impossibile”. Genova ha dichiarato: “Rimango al fianco di Parlavecchio, continua la nostra storia politica nell’Mpa, partito in cui torno e che si è caratterizzato per una forte accelerazione sul piano autonomistico. Adesso, a Sala delle Lapidi ci saranno almeno una decina di consiglieri pronti a battersi, insieme al presidente Lombardo, per il Meridione”.