Live Sicilia

Pd e Borsellino. Le reazioni

Giambrone (Idv): "Il Pd è ambiguo"
Grande Sud: "Una commedia"


VOTA
0/5
0 voti

speciale palermo 2012, Palermo, Politica
"Le dichiarazioni di Lupo confermano l'ambiguità del Partito Democratico, dove l'unico coerente è Cracolici, perché non ha mai cambiato posizione sull'apertura al Terzo Polo e al Mpa di Lombardo. Il Pd al tavolo delle primarie del centrosinistra di Palermo della settimana prossima dica chiaramente cosa intende fare". Lo dice il segretario regionale dell'Idv
Fabio Giambrone (nella foto), riferendosi alle posizioni espresse dai democratici sul tema delle alleanze per le comunali di Palermo della prossima primavera. " L'Idv - prosegue - non pone diktat a nessuno, per noi la coerenza è un valore, in politica una precondizione. Vogliamo sapere se i democratici sono disposti a sottoscrivere un accordo che individui i confini delle primarie al primo e al secondo turno, e che preveda che nessuno dei candidati possa, superata la fase delle primarie, fare accordi con il Terzo Polo e Mpa né al primo né al secondo turno". "Noi le primarie le vogliamo -conclude Giambrone - purché siano vere e di una coalizione di centrosinistra progressista e aperta a mondi vitali importanti quali i movimenti, le associazioni e la società civile".

"A sinistra, in questi giorni, va in scena una commedia che meriterebbe come titolo "Molto rumore per nulla". Così Eusebio Dalì, portavoce di Grande Sud in Sicilia, in merito al toto-candidato per la poltrona di sindaco a Palermo. "La Borsellino - dice - ieri fa un balzo indietro: non vuole avere a che fare col Terzo Polo né intende parlare con Lombardo. Oggi due piroette avanti: gli parlerebbe pure ma solo in qualità di presidente della Regione e non come leader del Mpa. Come se il personaggio non fosse lo stesso". "Sullo sfondo - conclude - un goffo passo a due tra Cracolici e Lupo nel tentativo di metter pace tra Borsellino e Lombardo che, da buon solista, prova a ballare con tutti volteggiando e, mentre sente sempre più vicino il suo canto del cigno, intanto si guarda attorno per trovarsi un candidato che voglia i voti del Terzo polo. Davanti a loro, in platea, il pubblico: i siciliani che assistono a uno spettacolo decisamente triste".