Live Sicilia

il caso

Apprendi: "Enav, si rifletta sulle partecipate"


VOTA
0/5
0 voti

apprendi, enav, Cronaca, Palermo, Politica
“Le motivazioni che hanno portato agli arresti del direttore generale dell'Enav e dei responsabili di altre aziende collegate in qualche maniera ad essa, se fossero vere, devono fare riflettere sulle società partecipate che con i soldi pubblici provvedono ad affidamenti di lavori, con cospicue somme di denaro, eludendo le regolari gare d'appalto”. Lo afferma in una nota Pino Apprendi, deputato regionale del Pd e vice presidente della commissione Attività produttive dell’Ars chiedendo di “verificare anche la vicenda dell'antenna ‘Wind Shear’ che doveva essere installata all’aeroporto di Palermo con un investimento di 10 milioni di euro”.

“Mi chiedo – prosegue il deputato - se anche le pressioni sull'opinione pubblica circa gli asseriti pericoli che i viaggiatori dell’aeroporto avrebbero corso senza la presenza di quest'antenna, possano essere finite in questi presunti affari loschi. Viene voglia di chiedere a coloro che si sono battuti per l’installazione dell'antenna – conclude Apprendi - se hanno preventivamente fatto ricerche per installare nell'aeroporto strumenti alternativi per migliorarne la sicurezza”.