Live Sicilia

Diego Cammarata

"Subito un'indagine interna
Il Comune sarà parte civile"


VOTA
0/5
0 voti

blitz, cammarata, sportello unico, Cronaca, Palermo
Annuncia un'indagine interna, ma si tiene sulla linea della prudenza. A poche ore dall'indagine sulle mazzette al Comune Diego Cammarata è cauto: “Ho notizie su questa operazione solo dalla stampa. Attendo di capire nel dettaglio i termini dell'inchiesta”. Intanto, però, il sindaco di Palermo anticipa l'intenzione di costituirsi parte civile nell'eventuale processo: “Ho già dato disposizione perché il Comune si costituisca – assicura – Non permetteremo a un pugno di delinquenti, se delinquenti sono, di macchiare l'immagine della città e dell'intero comparto”.

Il procuratore aggiunto Leo Agueci, però, parla di un sistema generalizzato.
“È proprio questo che voglio comprendere. Al momento l'indagine è alle prime battute: non so di quali circostanze parli il procuratore Agueci. Ovviamente ci auguriamo che la magistratura vada a fondo, e noi, dal canto nostro, apriremo un'indagine interna”.

Con quali obiettivi?
“Innanzitutto bisognerà capire se negli uffici qualcuno ha ignorato dei segnali che potevano far intuire l'esistenza di un sistema di corruzione”.

Mi sembra di capire che lei non si sente di escludere un sistema generalizzato.
“Il Comune di Palermo ha ventimila dipendenti. Quasi tutti sono persone oneste, la cui immagine, appunto, viene macchiata da questi fatti. Ciò non toglie, chiaramente, che saremo durissimi con chi ha commesso dei reati. La mia amministrazione è sempre stata improntata alla linea della fermezza sulla legalità”.

È ipotizzabile una rotazione dei dirigenti?
“La dirigente dello Sportello unico, la dottoressa Alessandra Autore, è stata nominata appena un mese fa. È una persona rigorosa alla quale va tutta la mia fiducia. Quando è stato necessario effettuare rotazioni dei dirigenti è stato fatto, ma al momento stiamo parlando di un'indagine che riguarda due uscieri e un geometra già trasferito. Terremo gli occhi aperti. E una cosa è certa: l'amministrazione si tutelerà”.