Live Sicilia

AMMINISTRATIVE A PALERMO

Trasparenza, risparmi, asili familiari
Ecco il programma dei grillini



elezioni, movimento 5 stelle, nuti, palermo, speciale palermo 2012, Palermo, Politica
Continua la corsa alla poltrona di primo cittadino del capoluogo siciliano e il movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, che ha come candidato sindaco di Palermo Riccardo Nuti, pubblica il proprio programma. Le 5 stelle individuano altrettanti punti di riforma del panorama cittadino, suddividendo il progetto di rinnovo in: Comune e cittadini, Ecosistema urbano, Educazione e cultura, Sviluppo e nuove tecnologie, Mobilità sostenibile.

Nel complesso la parola chiave del programma politico sarà "trasparenza", mirando a introdurre sistemi di partecipazione diretta del cittadino all'operato del comune, valutando anche i progetti portati avanti dai singoli assessori che avranno un contratto a progetto dove il mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati equivarrà alla revoca immediata della nomina assessoriale. La trasparenza è proposta anche per gli stipendi, per le procedure di vincita dei bandi di gara e per tutte le attività amministrative.

Anche il concetto di "risparmio", inteso come riduzione degli sprechi, si propone di essere un cavallo di battaglia di questo progetto politico. Il risparmio investirà gli stipendi delle cariche pubbliche che saranno uniformate al resto d'Italia e risparmio sarà anche per tutte le collaborazioni esterne finora non regolamentate o per il complesso e dispendioso sistema di benefit del personale politico.

Nel programma non mancano anche le proposte per la risoluzione del "problema immondizia" che affligge la città e tutta una serie di iniziative volte a sostenere le donne lavoratrici con l'ausilio di "Tagesmutter", termine tedesco che sta per "asilo familiare" gestito proprio da privati e che potrà ospitare una media di cinque bambini venendo incontro alle necessità differenziate di ogni madre. Per il piano energetico si fa grande affidamento allo sviluppo di forme di energia pulita, mentre per l'ambiente ci si prefigge di disincentivare l'uso delle auto in favore dei mezzi pubblici che saranno ovviamente sottoposti ad un potenziamento urbano ed extraurbano.