Live Sicilia

Il referendum Pd

Moncada: "Data illegittima"
Bianco: "Attenti alle infiltrazioni"


VOTA
0/5
0 voti

commissione, moncada, pd, referendum, Palermo, Politica
"Apprendo con stupore che il Partito democratico ha indetto per il 12 febbraio il referendum sulle alleanze. Nel mio ruolo di componente della Commissione Regionale per il congresso, oltre che di membro dell'esecutivo provinciale, intendo smentire categoricamente che tale decisione sia stata presa dagli organismi preposti ad indire tale consultazione". Lo afferma
Silvio Moncada, consigliere provinciale di Palermo. "L'arbitraria decisione del coordinatore della commissione Regionale per il Congresso non può essere in alcun modo presa in considerazione - aggiunge - in quanto la stessa commissione, non ha mai deliberato, con la maggioranza prevista dallo statuto, l'indizione del referendum. Peraltro, nella lettera che lo stesso coordinatore ha inviato a tutti i componenti, me compreso, si comunica che il referendum è stato indetto domenica 4 marzo e non il 12 febbraio".

"Avere stabilito la data del referendum è un risultato importante". Lo afferma il senatore del Partito democratico, Enzo Bianco, sulla consultazione del Pd sull'appoggio al governo regionale siciliano prevista per il prossimo 12 febbraio. "Il tempo a disposizione per predisporre la macchina referendaria - aggiunge Bianco - non è molto, ma il mio auspicio è che tutte le realtà provinciali del Pa lavorino con impegno per consentire l'affluenza di decine di migliaia di elettori del Pd alla consultazione. Per favorire la partecipazione si allestiscano gazebo nelle piazze di tutti i comuni siciliani, con modalità che possano garantire da infiltrazioni di elettori di altre forze politiche, sia che oggi siano all'opposizione sia che sostengano il governo regionale". "Il 12 febbraio arriverà presto - sottolinea il senatore del Pd - e un successo del 'no' al quesito sul sostegno al governo Lombardo non potrà che comportare il ritiro immediato dell'appoggio del Pd a un governo guidato da chi non riesce a dare risposte soddisfacenti ai bisogni della Sicilia e continua a fare politica in modo clientelare, una pratica non compatibile con i valori del Partito democratico. Nei prossimi giorni - conclude Bianco - riuniremo i promotori del referendum, cominciando da Catania, questo sabato".