Live Sicilia

Speciale Palermo 2012, Leoluca Orlando

"Le primarie, una fiera di vanità
Ora pensiamo ai programmi"



leoluca orlando, speciale palermo 2012, Palermo, Politica
Amare Palermo significa, dopo dieci anni di barbarie e dopo i clamorosi brogli del 2007, costruire un’alternativa intransigente per il futuro governo della città. Mentre va in frantumi e implode la scellerata scelta di alcuni dirigenti del PD siciliano di sostenere il governo Lombardo, appare del tutto chiaro il tentativo di Lombardo e di quelli stessi dirigenti PD di utilizzare il diritto al futuro dei palermitani , quale ostaggio di quella scelta scellerata e quale corrispettivo in cambio di scampoli e briciole di poltrone di governo e sottogoverno regionale.

In nome di questo - ormai a tutti noto- obiettivo si sono trasformate le primarie, che sono e restano strumento essenziale di partecipazione, in una fiera di vanità e di ambiguità, volte evidentemente a consentire la permanenza al governo della città di partiti e di esponenti politici, che hanno sostenuto Cammarata nel 2001 e Cammarata nei brogli del 2007 e hanno, per lunghi soffocanti anni , partecipato alla sua giunta e a scellerati sprechi e spartizioni.

Per amore di Palermo, per rispetto dei palermitani, e per contrastare questi spregevoli obiettivi, ho ritenuto fosse doveroso dare la mia disponibilità alla candidatura a sindaco, sollecitata da esponenti della società civile e da alcuni partiti. E’ questo mio un contributo, ma anche l’ennesimo invito, a liberare i palermitani da ogni ambiguità , lasciando alle nostre spalle e lontano da Palazzo delle Aquile la fallimentare esperienza di Cammarata e con essa dei suoi complici e lasciando, altresì , alle nostre spalle e lontano da Palazzo delle Aquile l’innaturale sostegno al governo Lombardo. E’ tempo che, che nel rispetto di queste elementari condizioni, e nella ricerca della maggiore unità possibile , si pensi ai programmi per ridare dignità e concretezza di sviluppo a Palermo e ai palermitani. Questi obiettivi vengono prima e sono condizione ineludibile della mia come di qualunque candidatura alla carica di sindaco.