Live Sicilia

L'assessore Santoro e i redditi

"Adesso vi spiego quanto guadagno"


VOTA
0/5
0 voti

comune, stefano santoro, Cronaca, Palermo, Politica
La pubblicazione dei redditi del 2010 di assessori, consiglieri e vertici delle società partecipate del Comune di Palermo non ha mancato di suscitare polemiche. Alcuni lettori, per esempio, commentando il nostro articolo, hanno inoltre avanzato qualche perplessità sul componente della giunta che ha dichiarato meno di tutti gli altri, ovvero Stefano Santoro, che per il 2010 ha dichiarato 23.136 euro. L’assessore con delega al Turismo, avvocato di chiara fama con un passato in An e adesso vicino al presidente dell’Ars Francesco Cascio, ha deciso di rispondere tramite Livesicilia.

Assessore Santoro, lei nel 2010 ha guadagnato 23.136 euro?
“Sì, anche se ovviamente questo è solo il reddito professionale”.

Quindi in quella cifra non è compresa l’indennità da assessore…
“No, ovviamente no”.

Quanto ha guadagnato in tutto allora?
“Ai 23.136 euro, vanno aggiunti i circa 54.000 da assessore. In totale circa 80.000 euro”.

D’accordo, ma 23.136 euro non sono pochi per un avvocato del suo calibro?
“La nostra professione è fatta così: se sei in studio e lavori, guadagni. Altrimenti, lavori meno. Precedentemente ho guadagnato circa 60.000 euro, frutto di una dedizione completa all’attività professionale. Da quando sono rientrato in giunta, dedicandomi all’attività istituzionale, ho dovuto per forza di cose sacrificare quella professionale. A questo, aggiunga che il periodo non è dei migliori per nessuno e il risultato sono 23.136 euro”.

Diciamo che qualcuno avrebbe potuto aspettarsi che un avvocato guadagnasse di più…
“E’ la stessa aspettativa che ho io, nel senso che sono sul mercato. E comunque è tutto controllabile, non mi sottraggo alle legittime domande della stampa”.

Lei ha anche una Jaguar, vero?
“Sì, con 4300 cavalli. Non ne fanno più così. E’ del 2001, ma l’ho comprata nel 2008 a 12.000 euro. Oggi ne vale 7-8.000, basta navigare su internet per verificarlo. C’è chi preferisce comprare una Panda nuova a 14.000 euro e chi invece preferisce acquistare un’auto vecchia ma estremamente affascinante. E’ una questione di gusti. Certo, non posso farci dei viaggi ma per accompagnare i bambini a Mondello la domenica mattina va più che bene”.