Live Sicilia

PIPPO RUSSO (IDV)

"Saranno primarie solo del Pd
Inspiegabile la partecipazione di Sel"



idv, palermo, primarie, russo, speciale palermo 2012, Palermo, Politica
"Ormai è tutto chiaro. A Palermo si svolgeranno primarie del Pd e non del centrosinistra, avvolte da una non-ambigua-ambiguità rispetto al tema delle alleanze, come osservato anche da Antonella Monastra, che così spiega - con lucida coerenza - il suo prospettato ritiro, ormai quasi certo, da primarie trappola. Inconciliabili e contraddittorie appaiono le posizioni espresse, in separate interviste rilasciate nello stesso giorno a due quotidiani nazionali, da Rita Borsellino (sul Manifesto) che nega ogni possibile accordo con l'Mpa di Lombardo ed il Terzo Polo, e dal Segretario regionale del Pd Giuseppe Lupo, che insieme al Segretario nazionale Bersani l'ha indicata in incontri romani, che, invece (sull'Unità, il cui rapporto con il Pd è noto ), giudica un errore quello commesso dall'Udc di ritirare il proprio sostegno al governo Lombardo e invita la stessa Udc ad avere con il centrosinistra una convergenza al primo turno o almeno al ballottaggio. A completare il quadro di non-ambigua-ambiguità gli altri candidati, Davide Faraone e Ninni Terminelli, hanno sempre, pur con aggettivi diversi, sostenuto la intenzione di allargamento ad esponenti e partiti che hanno partecipato a elezioni e spartizioni delle disastrose Giunte Cammarata." E' quanto dichiara il Segretario provinciale IdV di Palermo Pippo Russo.

"Purtroppo, avevamo e abbiamo ragione noi e tanti altri, cittadini e partiti del centro sinistra, quando giudichiamo queste primarie - continua Russo - non solo ambigue, ma una trappola per gli elettori che parteciperanno alle primarie e una trappola per alcuni esponenti della società civile, che si sono inchinati in modo subalterno alla pressione 'persuasiva' del Pd, senza avere ottenuto da quel partito esplicite garanzie sui confini politici, programmatici ed etici delle candidature tutte e della coalizione, alle primarie, al primo ed al secondo turno. In questo quadro - prosegue l'esponente di Italia dei Valori - le primarie non saranno una festa di democrazia e di partecipazione, come tutti avremmo voluto, e gli inviti rivolti da candidati e dal Pd ad IdV in queste ore perchè cambi la propria posizione, senza che mutino le condizioni, appaiono oltre che offensivi quanto meno incomprensibili".

"Ribadiamo ancora una volta - conclude Russo - e con l'insistenza di chi chiede soltanto elementare chiarezza e coerenza, che se saranno sciolte da tutti i candidati e da tutti i partiti partecipanti le gravi contraddizioni descritte, IdV sarà ben felice di contribuire alla celebrazione di primarie finalmente vere e libere. In sintesi, siamo in presenza di 'primarie-congresso' del Pd, con candidati tutti rigorosamente eletti in liste di quel partito, con l'inspiegabile partecipazione di Sel che a Palermo si appresta a partecipare ad una perversione in salsa palermitana del proprio declamato ruolo antagonista a Lombardo e al Terzo polo".