Live Sicilia

Palermo. All'Arenella

Muore carbonizzato, in casa trovata
un'apparecchiatura a ossigeno


VOTA
0/5
0 voti

casa, incendio, morto, vincenzo genovese, Cronaca, Palermo
Vincenzo Genovese, 84 anni, è morto su una sedia, carbonizzato, nella camera da letto del suo appartamento al quarto piano di via Papa Gregorio Magno 12, nel cuore del quartiere Arenella di Palermo. Ha raggiunto la moglie, morta circa due mesi fa a causa di una malattia. Proprio dopo la dipartita della consorte aveva ridotto le sue uscite, stava per lo più in casa accudito da una governante.

L'incendio è scoppiato nella prima mattina e sono intervenuti i vigili del fuoco, chiamati dai vicini di casa, che hanno presto domato le fiamme. Nessun danno evidente è all'edificio. I parenti, stretti nel loro dolore, si abbracciano fra loro e non hanno alcuna voglia di parlare con i cronisti. La puzza di plastica bruciata viene portata in giro dall'aria gelida.

Quanto alle cause si è ancora nell'ambito delle ipotesi. Il lavoro della polizia scientifica è stato interrotto da un nuovo intervento dei vigili del fuoco che, attorno alle 11, sono tornati sul posto a causa del fumo che continuava a librare nell'aria dell'appartamento. Dapprima si è parlate di un incidente, causato da una sigaretta, ma un conoscente di Genovese rivela che l'uomo non fumava più da almeno 5 giorni. L'unico elemento che può aver causato l'espandersi delle fiamme sarebbe un'apparecchiatura elettrica per la respirazione funzionante con ossigeno che sarebbe appartenuta alla moglie . La miccia per lo scoppio dell'incendio potrebbe anche essere stata innestata da un corto circuito. Bisognerà attendere che la scientifica concluda i suoi rilievi.