Live Sicilia

Lombardo-show in conferenza stampa

"Chi vuole 50mila licenziati
vada a morire ammazzato"


borghezio, formigoni, lo bello, lombardo

Il presidente contrattacca a tutto campo, a cominciare dagli "pseudo industriali che vogliono trasformare la Sicilia in un macello". "Casini? Confrontiamoci, ma non mi mandi i ragazzini". E su Formigoni: "Io sono Lombardo solo di nome. Ma almeno non mi faccio fotografare mezzo nudo alle Antille".

VOTA
4.6/5
12 voti

"Vada a morire ammazzato". A chi si riferisse Lombardo non è poi così chiaro. Il riferimento a qualche "pseudo industriale" farebbe pensare, ovviamente, al vicepresidente di Confindustria Ivan Lo Bello. Che in un'intervista all'AdnKronos rilanciata dal sito di Repubblica Palermo non a caso replica: "Gravissime le sue parole, è in grave difficoltà psicologica". Ma nello specifico, Lombardo si riferiva "a chi vuole trasformare la Sicilia in un macello sociale. E vuole che si licenzino 50 mila persone". L'"invito" del governatore, qualunque fosse l'obiettivo, cade in mezzo a una conferenza stampa nella quale Lombardo arriva carico. Molto carico. E ce n'è per tutti: per i giornali che hanno parlato di "Sicilia fallita": "Ci tuteleremo in sede civile e penale. Gliela faremo pagare cara. I quotidiano "Libero" e "Il Giornale" hanno provocato un danno enorme ai siciliani. Chiederemo un grosso risarcimento".

Ma non finisce qui. Se infatti sul vicepresidente di Confindustria ribadisce quanto già detto nella nostra intervista: "Ha portato solo imprenditori dell'eolico. Un settore che non porta lavoro, deturpa il paesaggio e van avanti grazie alle mazzette", non manca una stoccata all'Udc. Più a Gianpiero D'Alia che a Pierferdinando Casini. "Casini si confronti con me in una pubblica piazza. In Sicilia, a Roma o a Bologna se preferisce. Ma parlo con lui. Non mi mandi i ragazzini". E sempre su twitter ecco la replica di D'Alia: "Poveretto. tempo sprecato che potrebbe meglio utilizzare al servizio della Sicilia".

Replica secca anche per Borghezio, che aveva definito la Sicilia una "magna-magna Grecia". "Io mi auguro - ha detto Lombardo - che Borghezio finalmente riesca nel suo tentativo di portare al distacco della Sicilia dall'ITalia. Così lo stato la smetterà di prenderci i dieci miliardi l'anno per il petrolio che noi estraiamo. Così potremo anche abbassare il prezzo della benzina".

Ma lo show di Lombardo non risparmia nemmeno il governatore della Lombardia Roberto Formigoni che aveva usato l'arma del sarcasmo: "Rischio default Sicilia - ha scritto il presidente della Lombardia su twitter -. Na terra accussì bedda, a stannu affunnannu. O Lombardo, di lombardu ha sulu u cugnomu?". Ma la replica del presidente della Regione siciliana è stata quantomeno "all'altezza". "Vero, sono Lombardo solo di nome. Del resto, lavoro qui, nella mia terra. Non vado mica sugli yatch degli amici alle Antille, più o meno gratis, a farmi fotografare seminudo".