Live Sicilia

L'assessore

Vecchio: "Resto al mio posto
per rispetto ai siciliani"



"Se il presidente mi vuole sfiduciare, è libero di farlo. Ma io non mi dimetto e continuo a portare avanti le mie idee da uomo libero”, dice a Live Sicilia l'assessore criticato oggi dal governatore

VOTA
2.3/5
11 voti

“Resto al mio posto. Lombardo mi ha dato un mandato, che non gli avevo chiesto. Sto cercando di portarlo avanti con impegno e per rispetto ai siciliani intendo continuare. Se il presidente mi vuole sfiduciare, è libero di farlo. Ma io non mi dimetto e continuo a portare avanti le mie idee da uomo libero”. Così Andrea Vecchio, assessore alle Infrastrutture, commenta le parole di Raffaele Lombardo che a Live Sicilia aveva detto che Vecchio “poteva andare a casa” se chiedeva di licenziare i forestali.

Vecchio resta al suo posto quindi. E sulla situazione finanziaria della Regione commenta: “Che ci fossero dei problemi lo ho appreso dal ragioniere generale, io non sono certo un esperto. Ma mi sia consentito fare notare a chi in questi giorni parla di ingenti trasferimenti alla Sicilia, che alle province autonome di Trento e Bolzano lo Stato trasferisce somme pro capite nettamente più alte. Certo, lì i servizi funzionano, ma sono pochi e hanno una grande disponibilità di denaro”.

Sulle polemiche in merito ai forestali, e sulle sue dichiarazioni che hanno fatto storcere il naso anche a colleghi di giunta, Vecchio non torna. Ma sugli articoli usciti in questi giorni, l'assessore osserva: “Molti giornali mi hanno associato a Lo Bello. Strano, è almeno un anno che non ci vediamo”.