Live Sicilia

ORLANDO: "VALUTIAMO LA COMPETENZA"

La replica di Artioli:
"Ricostruzione incongruente"


addio pizzo, addiopizzo, Aedilia Venusta, amat, amia, artioli, ettore artioli, leoluca orlando, orlando, presidente, sindaco, Palermo

La risposta di Ettore Artioli all'attacco di Addiopizzo. Anche il sindaco Orlando scende in campo per difendere la sua scelta. "Scegliamo chi è competente e ha le carte pulite".

VOTA
1.7/5
12 voti

"Non posso nascondere amarezza e stupore per le valutazioni di AddioPizzo, nonché per una ricostruzione dei fatti che mostra una grave incongruenza, alla base di tutta la nota diffusa oggi dall'associazione". Lo dichiara Ettore Artioli, Presidente dell'azienda Amat, commentando la nota con cui il Comitato AddioPizzo ha espresso una critica alla scelta di Leoluca Orlando di nominarlo alla presidenza dell'azienda.

“La vicenda dei rapporti commerciali tra aziende guidate da me e la società edile Aedilia Venusta - precisa il presidente di Amat - è stata oggetto di dettagliate informazioni che ho rilasciato alla procura della Repubblica, come persona informata dei fatti, nell’ambito di un’inchiesta giudiziaria i cui contenuti vanno doverosamente affidati al percorso giudiziario e che per ovvii motivi non posso e non intendo divulgare".

"Ho offerto ogni più ampia e dettagliata collaborazione ai magistrati, per contribuire alle indagini su quell’azienda e sulle persone che operavano in essa, contribuendo a far luce su diverse vicende". "Credo utile - ha aggiunto - sottolineare che già quando trapelarono le prime indiscrezioni sulla Aedilia Venusta, le società da me gestite procedettero alla rescissione di ogni contratto, con un danno, per le mie società, di circa un milione di euro; allo stesso tempo le dimissioni da associazioni di cui ricoprivo incarichi di vertice, furono un atto di lealtà e rispetto verso quelle associazioni, che non volevo fossero interessate da sterili polemiche. Devo per altro ricordare che la risoluzione dei contratti da parte nostra avvenne quando sulla Aedilia Venosta vi erano soltanto delle ombre che contrastavano con le certificazioni di cui la stessa era regolarmente in possesso e con gli accrediti istituzionali di cui la stessa società godeva".

"Mi si conceda ora - ha incalzato Artioli - una domanda rivolta ad AddioPizzo: davvero si vuole far credere che mi sarebbe stata negata l'iscrizione all'Associazione per presunti contatti con ambienti dubbi e poi si sarebbe ammesso in associazione un imprenditore da me presentato? Sarebbe davvero paradossale che non si fosse ammesso Artioli perché ritenuto non affidabile mentre - ha concluso - si riteneva affidabile qualcuno presentato dallo stesso Artioli".

Anche il sindaco Leoluca Orlando replica ad AddioPizzo: "La scelta di Ettore Artioli - ha detto il primo cittadino - così come quella di tutti i presidenti delle aziende partecipate, si è basata su un criterio molto semplice: la provata competenza ed esperienza, supportate, proprio nel caso di Ettore Artioli, dalla passata esperienza come amministratore dell'Amia che ha vissuto sotto la sua direzione una stagione di efficienza e produttività come mai nella sua storia. A tutti i candidati - ha concluso - è stato inoltre richiesto di fornire le certificazioni di legge che sono risultate del tutto regolari".