Live Sicilia

A RISCHIO I DIPENDENTI DI ISOLA DELLE FEMMINE

L'Isolauto dimezza il fatturato
In 11 rischiano il licenziamento


Dovrebbero restare a casa, al momento, otto dipendenti del settore amministrativo del punto vendita di Isola delle Femmine e tre meccanici specializzati, impiegati nelle officine della concessionaria.

VOTA
3/5
4 voti

auto, concessionaria, crisi, fiat, flauto, isola delle femmine, l'isolauto, marianna flauto, uiltucs, Economia, Palermo
L'Isolauto, concessionaria palermitana di auto Fiat, con tre punti vendita, due a Palermo e uno a Isola delle Femmine, ha avviato le procedure di
licenziamento collettivo per 11 dei suoi dipendenti. A finire sotto scacco, in particolare, sono i lavoratori del punto di Isola delle Femmine. A darne notizia, il rappresentante legale dell'azienda che ha inoltrato, tramite raccomandata, una lettera ufficiale alle principali sigle sindacali e all'ufficio provinciale del lavoro per informare dell'avvio delle procedure e per spiegare le motivazioni che hanno portato a questa decisione. “L'avvio del procedimenti di licenziamento collettivo – si legge nella missiva – si rende necessario a causa della grave flessione del fatturato realizzatosi nell'anno 2011 che, rispetto all'anno precedente, ha visto un decremento da 11.778.000 euro a 6.843.000 euro”. Un calo del 50% confermato dal trend negativo registrato anche nei primi sei mesi di quest'anno.

Dovrebbero restare a casa, al momento, otto dipendenti del settore amministrativo del punto vendita di Isola delle Femmine e tre meccanici specializzati impiegati nelle officine della concessionaria. “Nei prossimi giorni incontreremo i titolari per discutere dell'avvio delle procedure – ha dichiarato Marianna Flauto della UilTucs. Proporremo la cassa integrazione per gli undici dipendenti. Fino a quando sarà possibile, cercheremo di usufruire di tutti gli strumenti che ci mette a disposizione il ministero del lavoro per garantire i livelli occupazionali. Vorremmo che la mobilità, quindi l'effettivo licenziamento, fosse l'extrema ratio”.