Live Sicilia

IL CASO

Cas, sospesi due dirigenti?
No, solo una bufala


Sospesi dal prefetto di Messina due dirigenti del consorzio autostrade siciliane per pessima gestione della protesta dei precari? No, tutto falso.

VOTA
0/5
0 voti

cas, dirigenti, sicilia, vecchio, Politica
Denunce e diffusione di false notizie. Sarebbe questo l’epilogo di una curiosa storia che coinvolge il comitato che raccoglie le istanze dei precari del consorzio, che all’inizio del mese avevano subito la beffa di essere richiamati in servizio per un incarico temporaneo e poi rimandati a casa senza alcuna spiegazione e nessun contratto.

Stamattina circolava sul web un comunicato anonimo sull’epilogo delle proteste avviate dagli ex dipendenti che annunciava un provvedimento di Francesco Alecci, Prefetto di Messina, ovvero la sospensione dal servizio di due dirigenti del Consorzio autostrade. Si trattava dell’architetto Letterio Frisone, le cui mansioni comprendono le relazioni con il personale e gli affari generali, e di Carmelo Letto, di cui nell’organigramma dei dirigenti non si trova traccia, ma che anzi risulta essere un sindacalista della Cisl che si è già occupato della questione precari del consorzio.

In ogni caso l’assessore alle Infrastrutture Andrea Vecchio smentisce ogni cosa, negando in maniera assoluta la sospensione di Frisone: "Nessun dirigente del Cas, il Consorzio delle autostrade siciliane, e' stato sospeso dalle funzioni dal prefetto di Messina. Ho parlato con il capo di gabinetto del prefetto - aggiunge Vecchio - e ha smentito categoricamente di avere adottato provvedimenti di sospensione nei confronti del personale del Consorzio, che proprio in questo periodo ha dato testimonianza di un comportamento davvero virtuoso. Non posso, infatti, non segnalare la compostezza e lo spirito di servizio di tutto il personale –conclude l’assessore - che, pur costretto a turni di lavoro più intensi a causa del mancato ricorso ai lavoratori stagionali, ha dimostrato grande responsabilità e attaccamento al lavoro".