Live Sicilia

Palermo

Raid punitivo contro immigrati,
ci rimette Biagio Conte


biagio conte, centro speranza e carità, ferito, palermo, rissa, sassaiola, via decollati, Cronaca, Palermo

Un "commando" formato da 15 giovani palermitani ha assaltato il centro 'Speranza e Carità' di via Decollati, a Palermo, alla ricerca di un extracomunitario "colpevole" di avere urinato davanti a una donna. Il missionario (nella foto con Schifani) colpito alla testa da una pietra.


Si sono presentati in quindici per vendicare un affronto. Armati di bastoni, pietre e bottiglie di vetro. Palermitani contro extracomunitari. Ad avere la peggio, alla fine, è stato Biagio Conte, l'uomo che da anni si prende cura degli indigenti e dei senzatetto di Palermo, accolti nella missione 'Speranza e Carità'. Il missionario laico è stato colpito da una pietra alla testa. Trasportato all'ospedale Civico, sono serviti quattro punti per suturargli la ferita.

Grazie ad alcune testimonianze i poliziotti hanno ricostruito le fasi di una serata di follia. Ieri poco dopo le 22 e 30 un gruppo di palermitani si presenta, a piedi e in moto, in via Decollati dove ha sede la missione di Biagio Conte. Cercano un extracomunitario colpevole, a loro dire, di avere urinato davanti a una donna, mostrandole i suoi organi genitali. Scoppia una rissa davanti all'ingresso. Alcuni ospiti reagiscono. Volano sassi. Uno colpisce il missionario che si fa avanti nel tentativo di calmare gli animi. Qualcuno avverte la polizia. Quando arrivano le volanti i contendenti si dileguano. Due di loro vengono visti allontanare in sella ad uno scooter. Inizia un inseguimento per le strette strade del centro storico fino a quando i fuggitivi non riescono a far perdere le proprie tracce nei pressi di piazza Magione.

Nel frattempo qualcuno era già tornato in via Decollati da dove erano sparite spranghe e bottiglie. C'erano solo bambini che giocavano come se nulla fosse accaduto.