Live Sicilia

E i politici litigano sul sondaggio


VOTA
1/5
1 voto

, Politica
“Il sondaggio popolare realizzato da Livesicilia su un campione largamente rappresentativo dimostra il grande apprezzamento popolare di cui gode Nello Musumeci, che va ben oltre i dati della propria coalizione”. È quanto rileva Adolfo Urso, promotore della lista Musumeci presidente, secondo cui “Musumeci dimostra di essere il grande valore aggiunto di questa competizione, riscuotendo grandi consensi anche tra gli elettori dell'Udc e della coalizione di Miccichè. Gli elettori cattolici e quelli autonomisti non si riconoscono nelle scelte dei loro partiti e preferiscono dare il loro consenso a Musumeci”.

"Apprendiamo, dunque, che Nello Musumeci  supera di 6 punti e mezzo percentuali il suo più diretto competitore.  E il dato, già significativo,  acquista più valore poiché è frutto  del 40 per cento degli elettori dell’Udc  e di parte di quelli di Grande Sud ed Mps”. Lo ha dichiarato la senatrice del Pdl Simona Vicari, coordinatore provinciale del Pdl a Palermo commentando il sondaggio di LiveSicilia. “Il risultato, oltre a premiare Nello Musumeci, premia la visione matura dei siciliani. La politica pessima, rappresentata dal devasta-presidente Lombardo e dai suoi due candidati alla presidenza, Crocetta e Micciché, trova quindi l’antidoto nella reazione popolare che già emerge dai dati del sondaggio”.

Dati considerati "poco affidabili" dagli alleati di Gianfranco Micciché: "La candidatura di Gianfranco Miccichè per la alleanza sicilianista - ha detto il capogruppo del Partito dei siciliani Nicola D'Agostino - rappresenta la vera novità di queste elezioni. Chi, - ha aggiunto - con sondaggi dai criteri metodologici discutibili, ipotizza grandi vantaggi delle altre coalizioni, dovra' ricredersi. Gli elettori, stanchi del giogo romano, premieranno quei partiti ispirati ai valori del territorio che si sono sempre distinti per l'impegno a favore della crescita della Sicilia".

“I dati emersi dai sondaggi fatti sul Web in questi giorni - ha dichiarato invece il presidente di Mps- Nuovo Polo per la Sicilia - rischiano di creare false illusioni tra i candidati. Dobbiamo attenerci a dati reali e concreti, fondati su regole certe, così come previste dalle leggi in materia, e quindi fatte per strada o comunque a persone che esprimono la loro reale intenzione di voto. Il rischio, in caso contrario, - ha proseguito - è quello di diffondere dati non veritieri, che potrebbero rivelarsi un’arma a doppio taglio rispetto al definitivo esito delle elezioni”