Live Sicilia

Il Festival

I ragazzi amano la legalità


Al Festival della legalità che si terrà a Villa Filippina, massiccia adesione dei ragazzi e delle scuole. E' il segno che qualcosa è cambiato?

VOTA
0/5
0 voti

antonio ingroia, festival della legalità
PALERMO- A Palermo c'è una gran voglia di legalità. La conferma arriva dalle adesioni degli istituti scolastici cittadini alla quinta edizione del “Festival della Legalità” che prende il via domenica 30 settembre alle 9.30. Oltre 3.000 studenti (questo il dato ancora provvisorio) parteciperanno ai dibattiti mattutini dove a parlare di mafia e di lotta alla mafia saranno uomini delle forze dell’ordine, magistrati, giornalisti, autorità istituzionali, imprenditori-coraggio, attori. Il picco massimo di presenze (circa 1000 persone) si registra in occasione della “Lectio Magistralis” di
Antonio Ingroia che, il 4 ottobre, incontrerà i ragazzi di 12 istituti superiori per fare il punto sulla lotta alla mafia in Sicilia a pochi giorni dal suo trasferimento in Guatemala.

Di grande interesse, come da cinque edizioni a questa parte, il dibattito “Denunciare il racket conviene” che annovera già oltre 700 partecipanti. Sul palco il 3 ottobre, insieme al procuratore aggiunto Ignazio De Francisci, anche il presidente di Confindustria Sicilia Antonello Montante, il responsabile Customer Satisfaction Sicilia Unicredit Francesco Binenti e gli imprenditori-coraggio Giuseppe Todaro e Pino Russello. Gettonatissimo, infine, anche l’appuntamento mattuttino del 2 ottobre che vedrà protagonisti l’attrice Stefania Blandeburgo e il questore di Piacenza Rino Germanà. Una platea di circa 600 studenti provenienti da 9 istituti scolastici assisterà alla lettura della Blandeburgo di uno stralcio dei verbali dell’interrogatorio di Vincenzo Chiodo in cui viene descritta l’ultima fase del sequestro del piccolo Giuseppe Di Matteo e la sua uccisione. A seguire, i ragazzi conosceranno la storia di Rino Germanà, il superpoliziotto sfuggito ad un agguato mafioso tesogli da Matteo Messina Denaro, Leoluca Bagarella e Giuseppe Graviano.