Live Sicilia

SALLUSTI

Ok commissione a Ddl: niente carcere, restano multe


VOTA
0/5
0 voti

cassazione, libero, SALLUSTI, sentenza, Dall'Italia e dal Mondo
ROMA - La commissione Giustizia del Senato ha approvato il ddl sulla diffamazione che abolisce la pena del carcere per i giornalisti, prevedendo invece pene pecuniarie. Le multe restano da 5 mila a 100 mila euro, ma è stato approvato un emendamento secondo cui sono commisurate alla gravità dell'offesa e alla diffusione della testata. Prevista in caso di recidiva la sospensione dalla professione e dall'attività fino a sei mesi fino a tre anni. E' stata approvata inoltre un aggravante in caso di coinvolgimento dell'editore nella diffamazione dolosa. La disciplina viene estesa non ai blog, ma solo alle testate giornalistiche diffuse anche per via telematica. Intanto, nei confronti di Sallusti la Cassazione motiva la condanna al carcere per la sua "spiccata capacità a delinquere", dimostrata da tanti precedenti e dalla "gravita" della "campagna intimidatoria" e "diffamatoria" condotta nei confronti del giudice Giuseppe Cocilovo quando nel 2007 dirigeva 'Libero.