Live Sicilia

Catania

In pieno silenzio elettorale
spunta il cognome del candidato


Salvo Panebianco, in lista con il Pdl, ha sfruttato il marchio dell'azienda di famiglia, produttrice di conserve alimentari, con una pubblicità apparsa sul quotidiano 'La Sicilia'. Lui replica: "Riguarda la mia società".

VOTA
0/5
0 voti

Catania, panebianco, pubblicità, quotidiano la sicilia, slogan elettorale, Catania

La pubblicità su La Sicilia



CATANIA - In pieno silenzio elettorale c'è una scritta che campeggia sul quotidiano 'La Sicilia' in prima pagina: “Panebianco – La Sicilia che produce”. Un cognome, quello di Salvo Panebianco, candidato alle regionali con il Pdl, che è anche un marchio, quello dell'azienda di famiglia Panebianco Srl, produttrice di conserve alimentari. Solo che a un giorno dal voto il rischio è quello di confondersi, anche perché sotto al nome del candidato c'è uno slogan, “La Sicilia che produce”, che ricorda il motto della campagna elettorale, diffuso attraverso migliaia di manifesti e volantini: “La Sicilia al lavoro”.

Pubblicità subliminale mentre la legge impone il silenzio? “No - risponde Salvo Panebianco a Livesicilia - è una pubblicità che riguarda la mia società, pubblicità che facciamo spesso”. Solo che per l'occasione, il logo pubblicizzato è diverso da quello del sito ufficiale dell'azienda, l'angioletto sembra più piccolo e la scritta del cognome del candidato è più grande e di colore diverso, tanto da ricordare quel giallo di sfondo, con scritta blu, che appariva sul volantino elettorale. “Vi assicuro - chiosa Panebianco - che il marchio è depositato ed è tutto regolare”. E il motto? “Appunto - conclude Panebianco- è una Sicilia che produce”.