Live Sicilia

Sul Corriere della Sera

E l'allievo di Pitruzzella vinse
il concorso dell'Antitrust


concorso antitrust, giovanni pitruzzella, marco lo bue, Cronaca
Giovanni Pitruzzella

Sul Corriere della Sera, Sergio Rizzo ci racconta una storia. Marco Lo Bue ha vinto, piazzandosi in una posizione utile, il concorso all'Antitrust. Tutto a posto tranne un piccolo particolare: Lo Bue è allievo del professor Giovanni Pitruzzella, che dell'Antitrust è il presidente.

VOTA
1.6/5
19 voti

ROMA - L'allievo del presidente dell'Antitrust vince un concorso... all'Antitrust. La storia la racconta Sergio Rizzo sul Corriere della Sera. Lui, il vincitore, è Marco Lo Bue. Il presidente è il suo ex "maestro", il professor Giovanni Pitruzzella, presidente dell'organismo. Scrive
Sergio Rizzo: "Afferma il presidente dell'Antitrust Giovanni Pitruzzella: «È essenziale che qualsiasi selezione sia imparziale e trasparente. Per garantire questo ho scelto di non avere alcun contatto con i membri della Commissione. Comunque la si voglia pensare sono certo che la Commissione abbia selezionato i candidati più meritevoli». Non abbiamo alcun dubbio che sia andata esattamente così. Al tempo stesso, scorrendo l'elenco dei vincitori del concorso per cinque funzionari a tempo determinato (l'incarico ha durata quadriennale) bandito dall'Autorità garante della concorrenza, è impossibile che l'occhio non cada su un nome: Marco Lo Bue. Si è classificato al quarto posto, ma è il più giovane dei cinque. È nato a Palermo il 9 maggio 1984 e a dispetto dei 28 anni di età è già avvocato. La sua pagina su LinkedIn lo presenta come «avvocato presso lo studio legale Pitruzzella»".

Rizzo riporta le dichiarazioni di Pitruzzella. "«Marco Lo Bue - precisa infatti il presidente dell'Antitrust - non ha mai svolto l'attività di avvocato presso il mio ex studio ma solo, come tanti altri giovani laureati ogni anno, una buona parte del praticantato necessario per sostenere l'esame professionale. Peraltro non mi risulta che eserciti l'attività di avvocato». Aggiunge Pitruzzella: «Ovviamente lo conosco, perché nel 2009 sono stato per un periodo suo tutor nel ciclo di studi per il conseguimento del dottorato. Conosco, com'è noto, anche il padre con il quale ho fatto per circa un anno regate su una barca posseduta in società e di cui ho ceduto da tempo la proprietà». Tutto verissimo.

Il padre di Marco Lo Bue si chiama Giovanni Lo Bue. È uno dei componenti del Consiglio di giustizia amministrativa della Regione siciliana, omologo del Csm per i magistrati amministrativi della Sicilia". E c'è, come racconta Rizzo, la barca in mezzo: "Insieme a Lo Bue senior, Giovanni Pitruzzella possedeva dal marzo del 2010 una società battezzata Vela e Natura. Lui aveva il 55 per cento, il padre di Marco Lo Bue il restante 45. A Vela e Natura avevano intestato la loro barca da regata: una passione formidabile per entrambi. Finché Pitruzzella è stato nominato dal presidente della Camera Gianfranco Fini e da quello del Senato Renato Schifani (con il quale vanta una lunga conoscenza cementata dalle comuni radici palermitane) presidente dell'Antitrust. A quel punto ha dovuto liberarsi di ogni potenziale conflitto d'interessi, dallo studio d'avvocato alle partecipazioni azionarie. Ha ceduto la quota della società di consulenza Project consulting che aveva costituito tre anni fa con Angelo Cuva, consigliere del presidente del Senato Schifani «in materia di analisi e monitoraggio degli andamenti della finanza pubblica statale». Ha rinunciato al 25 per cento della società di servizi Socrate srl. Ha dismesso anche il 23 per cento di una terza azienda di consulenze della quale era azionista, la Officina Italia, di cui possiede una quota identica alla sua Lara Biagia Firrarello, figlia minore di Giuseppe Firrarello detto Pino, potentissimo esponente politico del Catanese, senatore del Popolo della Libertà e contemporaneamente sindaco di Bronte. Infine (immaginiamo con il dolore più grande) si è disfatto della partecipazione nella società della barca. Tutto è successo il 25 novembre 2011, quattro giorni prima del suo insediamento all'authority".

Ma c'è un altro particolare. Scrive Rizzo: "E chi ha comprato il suo 55 per cento di Vela e Natura? Marco Lo Bue, il giovane figlio del suo socio di regate, che un annetto dopo avrebbe poi vinto il concorso da funzionario all'Antitrust con l'ottimo punteggio di 81,20 su 100".