Live Sicilia

GLI ASSESSORI CATANIA E CIULLA

Il Comune aderisce a Re.a.dy:
"Contro le disparità di genere"


La giunta comunale ha aderito oggi alla Rete RE.A.DY per il superamento delle discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere, sottoscrivendo una “Carta di Intenti”. Soddisfazione da parte dell'assessore Catania: "È il modo migliore per avvicinare la città al prossimo Gay Pride nazionale".

VOTA
5/5
3 voti

Catania, ciulla, comune, gay pride, palermo, Palermo
L'assessore Giusto Catania
PALERMO - Oggi pomeriggio la Giunta Comunale ha deliberato l’adesione del Comune di Palermo alla Rete RE.A.DY. (Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni per il superamento delle discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere) sottoscrivendo la “Carta di Intenti”, quale parte integrante dello stesso provvedimento che non comporta alcuna spesa.

Con l’adesione, si dà mandato agli Assessori alla Cittadinanza Sociale e alla Partecipazione, Agnese Ciulla e Giusto Catania di individuare, con successivi atti di indirizzo, i Servizi che per le rispettive aree di competenza diano completa attuazione agli adempimenti conseguenza dell'adesione alla Rete in argomento. Inoltre, è stato anche deciso di dar mandato all’Ufficio Sviluppo Organizzativo di predisporre una proposta di formazione del personale dell’Amministrazione, sia quello a diretto contatto con il pubblico sia quello più sensibile alle tematiche delle discriminazioni, attività protesa a migliorare la conoscenza delle problematiche legate all’orientamento sessuale e all’identità di genere.

"L'adesione alla Rete Ready – ha detto l’Assessore Giusto Catania - è il modo migliore per avvicinare la città al Gay Pride nazionale che sarà ospitato a Palermo il prossimo giugno e segna una precisa volontà dell'amministrazione comunale di combattere tutte le forme di discriminazione”.

“Questo è un momento molto importante per la città di Palermo – ha invece detto l’Assessore Agnese Ciulla – che potrà confrontarsi su questi temi con altre città italiane e non solo, per affermare secondo le logiche del rispetto il diritto alla differenza di genere. Siamo convinti che questo è il primo passo per riconoscere alle cittadine e ai cittadini palermitani il diritto alle proprie scelte”.

Il Comune di Palermo si aggiunge ai 25 Enti locali tra Regioni (Piemonte e Toscana), Province (Cremona, Roma, Siracusa, Torino), Comuni (Bari, Bologna, Casalmaggiore, Capraia e Limite, Cremona, Firenze, Marineo, Messina, Napoli, Perugia, Pisa, Pistoia, Rende, >Roma, Salsomaggiore Terme, Savigliano, Torino, Venezia) che hanno aderito alla Rete RE.A.DY. sottoscrivendo la Carta di Intenti.