Live Sicilia

SALA DELLE LAPIDI, SCARPINATO

"Amo Palermo non si scioglie
Anzi, presto nuove adesioni"


amo palermo, caronia, consiglio comunale, scarpinato

Il capogruppo di Amo Palermo a Sala delle Lapidi, Francesco Scarpinato, smentisce le voci di un possibile addio o scioglimento del gruppo e rilancia: "Nei prossimi giorni nuove adesioni".

VOTA
2.5/5
4 voti

PALERMO - Continuano i movimenti a Sala delle Lapidi. Dopo il passaggio al Misto dell’autonomista Mimmo Russo, infatti, come già anticipato nei giorni scorsi Giulio Cusumano e Pino Faraone, rispettivamente Udc e Amo Palermo, sarebbero pronti a creare un nuovo gruppo che si rifaccia al governatore regionale Rosario Crocetta.

Una voce ormai confermata, è solo questione di giorni, che ha messo in fibrillazione il resto del consiglio. Su tutti Amo Palermo, che perderebbe così uno dei due componenti e sarebbe costretto a sciogliersi. Il capogruppo Francesco Scarpinato sarebbe stato insistentemente corteggiato da Udc e Pdl, ma nel pomeriggio una nota smentisce qualunque cambio di casacca e soprattutto annuncia nuovi arrivi. “Mi dispiace (si fa per dire) per la cocente delusione che proveranno nei prossimi giorni le ‘cornacchie’ che ipotizzano il dissolvimento del gruppo consiliare espressione del Movimento “Amo Palermo” di Marianna Caronia - scrive Scarpinato - che al contrario continua a registrare crescente interesse da parte della società civile. Ho pertanto il piacere di preannunciare che la formazione politica “Amo Palermo” di cui mi onoro essere capo gruppo consiliare al comune di Palermo nei prossimi giorni si rafforzerà con nuove adesioni”.

Adesioni che dovrebbero provenire da altri partiti di opposizione, probabilmente di area centrista. Un annuncio che fa già tremare gli altri gruppi, che se scendessero sotto quota due si troverebbero costretti a confluire nel Misto. La Caronia non lascia, quindi, ma rilancia e getta le basi per le prossime Politiche cercando anche alla Provincia una sistemazione “dorata” da qui alle urne.