Live Sicilia

apertura pomeridiana delle biblioteche

Comportamento antisindacale
Condannato il Comune


biblioteche, comunali, comune, condanna, palermo

L'attività degli uffici era stata estesa anche al sabato e alla domenica, modificando senza il consenso scritto dei lavoratori l'orario di lavoro del personale part time. I sindacati: "Paghino i dirigenti".

VOTA
3.9/5
14 voti

PALERMO - Condannato il Comune di Palermo per comportamento antisindacale per aver disposto l'apertura pomeridiana delle biblioteche comunali, anche il sabato e domenica, modificando senza il consenso scritto dei lavoratori l'orario di lavoro del personale part time. Il giudice del lavoro ha accolto il ricorso presentato dalla Cgil dopo l'avvio da parte del Comune del procedimento disciplinare a carico del direttore della biblioteca di Casa Professa Filippo Guttuso, condannato anche a una sanzione pecuniaria per non aver voluto modificare l'orario di lavoro violando il sistema di relazioni sindacali previste dal contratto nazionale di lavoro.
"A noi interessa dialogare col sindaco. Per questo chiediamo si torni al rispetto delle norme e delle corrette relazioni sindacali e si attivi subito un tavolo sull,organizzazione di tutti i servizi del Comune di Palermo - dichiarano a caldo Filippo Romeo, segeretario della Fp Cgil di Palermo e Giovanni Cammuca, Fp Cgil con delega alle autonomie locali -L'avevamo scritto e detto in ogni sede che il Comune di Palermo, nel modificare l' orario di lavoro stava violando non solo il sistema delle relazioni sindacali previsto dal contratto collettivo nazionale ma anche e soprattutto leggi dello Stato e direttive comunitarie dalle stesse previste."
"Ora - aggiungono i due rappresentanti sindacali - il sindaco presenti il conto ai dirigenti che, incuranti delle nostre osservazioni e delle violazioni che stavano denunciando, hanno calpestato i diritti delle lavoratri ci e dei lavoratori, hanno attivato provvedimenti sostitutivi e avviato un procedimento disciplinare, conclusosi anchelavorina sanzione, nei confronti di un dirigente che, invece, norme e procedure intendeva rispettare ed applicare".
"Chiediamo al Sindaco - proseguono Romeo e Cammuca - di convocare urgentemente un tavolo per ridiscutere tutti i servizi resi dal Comune, per ampliare orari di fruizione e migliorarne efficacia ed efficienza: esattamente le medesime proposte che cinque anni e mezzo fa facemmo all'allora candidato a sindaco, Leoluca Orlando, e che oggi coerentemente - concludono - riproponiamo al sindaco Orlando".