Live Sicilia

l'organizzazione antiracket

Addiopizzo lancia la campagna
“Pago chi non paga”


addiopizzo, campagna pubblicitaria, palermo, sicilia

Il ventidue e il ventitrè dicembre, nell'ambito delle manifestazioni natalizie organizzate dal Comune di Palermo, l'associazione antiracket dà appuntamento ai palermitani a piazza Castelnuovo, dalle dieci alle ventidue, per dire insieme "Pago chi non paga".

VOTA
5/5
3 voti

PALERMO – Addiopizzo rilancia una nuova campagna di consumo critico antiracket. Nell'ambito delle manifestazioni natalizie, organizzate dal Comune di Palermo, l'associazione invita i palermitani all'appuntamento che si terrà, il ventidue e il ventitrè dicembre, a piazza Castelnuovo. Con la strategia natalizia Addiopizzo vuole rilanciare l'appello ai cittadini affinchè si sentano investiti della responsabilità di sostenere, attraverso la pratica dei consumi, gli imprenditori e i commercianti che con coraggio hanno denunciato il fenomeno del racket di estorsione.

Dalle ore dieci del mattino alle ventidue, in piazza sarà presente un video-box che registrerà i messaggi dei cittadini che vogliono comunicare la loro azione di contrasto al pizzo. Le voci saranno successivamente diffuse in rete per dire insieme "Pago chi non paga". Inoltre, a tutti i consumatori che avranno orientato i loro acquisti di Natale verso la rete di Consumo critico Addiopizzo, presentando una prova d'acquisto, verrà consegnato un piccolo dono. L'associazione Addiopizzo vuole allargare ai cittadini l'azione di contrasto del fenomeno del racket di estorsione in modo da creare le condizioni per cui commercianti ed imprenditori possano denunciare in condizioni di sicurezza.

L'azione è realizzata nell'ambito del programma di diffusione e consolidamento di un circuito di economia fondato sulla legalità e lo sviluppo di cui è beneficiario l'Ufficio del Commissario nazionale antiracket. L'iniziativa, inoltre, è finanziata attraverso il PON Sicurezza nell’ambito dell’Obiettivo Operativo 2.4 dedicato al contrasto del racket delle estorsioni e dell’usura.