Live Sicilia

GIAPPONE

Terremoto di magnitudo 7.3
adesso è allerta tsunami


L’evento sismico è stato avvertito in modo netto dalla popolazione. Fermati i treni e chiuso l’aeroporto internazionale di Tokio Narita. Adesso è alto il rischio tsunami.

VOTA
1/5
1 voto

giappone, rischio tsunami, terremoto, terremoto magnitudo 7.3

Danni in Giappone, foto d'archivio



TOKYO -
Nel nord-est del paese si è verificata una violenta scossa di terremoto, di magnitudo 7.3 secondo la Japan Meteorological Agency. L’evento sismico si è verificato alle 17.18 locali, con epicentro a 240 km dalle coste della prefettura di Miyagi e ipocentro a 10 km di profondità. L'intensità del sisma è stata stimata in 5 su una scala di rilevazione nipponica di 7 massimi, così come misurato nelle prefetture di Iwate, Miyagi, Aomori, Ibaraki e Tochigi.

Nella capitale nipponica la scossa è stata avvertita in maniera chiara dalla popolazione e la Tokyo Tower, la cui antenna è stata riparata da poco, dopo i danni subiti dal terremoto dell'11 marzo 2011, ha oscillato in maniera evidente. Fermati, per precauzione, i treni veloci 'shinkansen' mentre è stato chiuso l'aeroporto internazionale di Tokyo Narita per consentire le ispezioni di sicurezza. Mentre non è stata registrata alcuna anomalia alla centrale nucleare di Fukushima che venne gravemente colpita dal sisma del 2011.

Adesso l’allerta tsunami è molto alta. Un’onda anomala di circa un metro si è infatti abbattuta alle 18.02 locali nella città di Ishinomaki, nella prefettura di Miyagi, ovvero in quella considerata maggiormente a rischio dato che c’è l'ipotesi che i maremoti possano raggiungere i 2 metri. Le onde, come già accaduto nel 2011, potrebbero ripetersi più volte a distanza di tempo l'una dall'altra. Il resto del Pacifico, secondo il servizio geologico degli Stati Uniti (Usgs), non è a rischio.