Live Sicilia

IL CORRIERE SULLE 'PARLAMENTARIE'

M5s e la poltrona a Roma
Azzurra, sorella di Cancelleri


Concluse le 'parlamentarie' grilline, l'edizione odierna del Corriere della Sera mette in evidenza tutti quei legami, diretti o meno, che uniscono i candidati del Cinque Stelle a membri già eletti per altre cariche. Nell'isola il caso più evidente è quello di Azzurra Cancelleri, sorella dell'eletto all'Ars e candidato grillino alle ultime regionali.

VOTA
2.1/5
30 voti

azzurra cancelleri, caltanissetta, giancarlo cancelleri, grillo, mes, movimento cinque stelle, palermo, parlamentarie, regione
Azzurra Cancelleri
PALERMO - C'è chi le ha definite primarie grilline, selezioni, poi infine 'parlamentarie', per distinguerle da quelle già effettuate dal centrosinistra e quelle già
tramontate nel centrodestra. Un 'esercito' scatenato sul web, come lo definisce Emanuele Buzzi nell'edizione odierna del Corriere della Sera, con provini online moderati da youtube.1400, per la precisione, i candidati Cinque Stelle che dopo quattro giorni di voti in 31 circoscrizioni, comprese quelle all'estero, hanno avanzato le proprie proposte per un posto nella prossima legislatura. Fra questi disoccupati, avvocati, studenti, in maggioranza donne (con il 55 %) con l'unico neo d'aver qualche amicizia o, addirittura, parentela di troppo.

Tanti i casi in Marche, Liguria, Piemonte, Puglia e Calabria con fidanzati, mogli, mariti, fratelli e sorelle che si candidano in virtù di legami affettivi. La Sicilia non è
da meno è mette sul tavolo Azzurra Cancelleri, sorella dell'ex candidato alla presidenza regionale e neo deputato all'Ars Giancarlo. Azzurra, che ha coordinato la campagna elettorale del fratello alle regionali, ha un passato nello staff dell'europarlamentare Idv Sonia Alfano (che nel 2008 si candidò alle regionali con gli Amici di Beppe Grillo). Iscritta al meetup di Caltanissetta, come afferma lei stessa, è stata 'adottata' da quello di Palermo. Quello della Cancelleri è dunque il primo caso riguardante i grillini nell'isola ma, in piccolo, rappresenta la più ampia consuetudine espressa nello stivale.