Live Sicilia

L'ASSESSORE ABBONATO SU VIA QUADRIO

"Firmeremo un protocollo
con l'Agenzia del Territorio"


L'assessore al Patrimonio, Luciano Abbonato, annuncia una convenzione con l'Agenzia del Territorio per catastare tutti gli immobili e precisa: "La risposta all'associazione doveva essere diversa".

VOTA
5/5
1 voto

luciano abbonato
L'assessore Luciano Abbonato
PALERMO - “Lunedì la giunta darà mandato a me e all’assessore Tullio Giuffrè di stipulare un protocollo d’intesa con la direzione regionale dell’Agernzia del territorio, con il coinvolgimento degli ordini professionali, per definire un’operazione su larga scala che risolva il problema”. Così l’assessore al Patrimonio, Luciano Abbonato, commenta il caso del magazzino comunale di via Quadrio nel quartiere Romagnolo, che non può essere affittato a un’associazione proprio perché privo di catastazione.

“Il fenomeno nasce negli ultimi vent’anni – spiega Abbonato – e riguarda specialmente gli immobili dell’Edilizia residenziale pubblica che sono stati consegnati al Comune non catastati o con una catastazione errata. Per questo con l’assessore Giuffrè abbiamo preparato uno schema di convenzione con l’Agenzia del territorio, che ha tutto l’interesse a catastare questi beni, anche per gli effetti sugli estimi. Ci siamo confrontati con gli ordini professionali competenti e stiamo pensando ad una task-force che coinvolga gli uffici dell’Edilizia privata, del Patrimonio e dell’Urbanistica e alcune risorse degli ordini professionali che integrino quelle comunali”.

E sul caso di via Quadrio aggiunge: “L’immobile si poteva catastare e all’associazione non bisognava rispondere negativamente – continua Abbonato - mi dissocio da quanto è stato fatto. Fermo restando che le concessioni possono essere effettuate solo mediante procedure ad evidenza pubblica, siamo di fronte ad un approccio non accettabile. Se ci sono associazioni o imprese che chiedono un locale in affitto, è nostro dovere procedere alla sua catastazione, se manca, e valutare la richiesta. Non conosco altri casi, oltre quello di via Quadrio, ma anche i singoli casi devono trovare una risposta specifica”.