Live Sicilia

CONCERTO DI SOLIDARIETà

Il Rotary Club
festeggia 40 anni


Venerdì 14 dicembre alle ore 18, presso il Conservatorio V.Bellini di Palermo, il Rotary club in occasione dei festeggiamenti per i suoi 40 anni promuove un concerto di solidarietà per destinato alla fruizione del mare da parte dei diversamente abili alla Cala.

VOTA
0/5
0 voti

40, anni, palermo, rotary club
Il Rotary Club Palermo Ovest sostiene un Progetto per la realizzazione di un polo, insieme alla Lega Navale Sez. di Palermo Centro, all’interno del bacino Cala di Palermo, destinato alla fruizione del mare da parte dei diversamente abili. Il progetto prevede l’utilizzazione di alcuni pontili galleggianti messi a disposizione dall’Autorità Portuale. Il sostegno del Rotary Club Palermo Ovest si concretizzerà in un contributo economico che servirà per dotare tali pontili dei necessari accorgimenti per il superamento delle barriere architettoniche in modo che tutti i cittadini che lo desiderano, anche se diversamente abili, possano avvicinarsi in libertà e assoluta autonomia al mare e alla vela attraverso l’utilizzazione di apposite imbarcazioni che la Lega Navale mette a loro disposizione. I fondi verranno raccolti durante il Concerto in occasione della celebrazione del 40° anniversario del Rotary Club Palermo Ovest.


Ecco perchè venerdì 15 presso il Conservatorio di Palermo 'V.Bellini' l’Orchestra a Plettro del Conservatorio Vincenzo Bellini è un importante risultato ottenuto grazie all’apertura della prima, e tutt’ora unica, cattedra siciliana di Mandolino, nel 2008, affidata al M° Emanuele Buzi. Il Conservatorio ha dato così il suo contributo ad affrancare questo nobile strumento da un’opinione comune che lo relega nello spazio di una letteratura “minore”, dilettantistica e popolare. Grazie alla collaborazione con le classi di chitarra del M° Cappelli e del M° Pirrello, è stato possibile dar vita a questa realtà che, formata interamente da allievi e neodiplomati del Conservatorio, partecipa con entusiasmo alle tante manifestazioni promosse a Palermo e nel resto della Sicilia.

L’orchestra a plettro è una formazione piuttosto inusuale ai nostri giorni (in tutta Italia se ne contano una ventina), ma diffusissima in tutto il territorio nazionale fino alla prima metà del ‘900, quando, al pari con le bande di paese, svolgeva un importante ruolo sociale e di diffusione del repertorio musicale. Il repertorio spazia dal barocco al contemporaneo con l’esecuzione di brani originali e di trascrizioni che permettono di sottolineare al meglio le potenzialità timbrico-espressive di questi particolari strumenti. L’Orchestra si è già distinta in occasione di rassegne e festival, esibendosi allo Steri di Palermo, al Castello Ursino di Catania, al Tempio di Giunone di Agrigento, a Palazzo Bellomo di Siracusa suscitando l’interesse del pubblico e degli “addetti ai lavori”. Emanuele Buzi è nato a Roma nel 1978. Nipote del virtuoso M° Giuseppe Anedda, ha iniziato lo studio del mandolino con il nonno, che lo ha poi affidato artisticamente al M° Dorina Frati con la quale si è perfezionato fino a diventarne assistente. Si diploma con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Musica “A. Casella” de L’Aquila. Collabora stabilmente con importanti enti lirici quali La Scala di Milano, il Teatro La Fenice di Venezia, la Fondazione Arturo Toscanini di Parma, il Teatro Massimo di Palermo ed è stato diretto dai maestri Riccardo Muti, Mstislav Rostropovich, Donato Renzetti, Georges Prêtre, Wayne Marshall. All’estero si è esibito in Turchia, in Albania per l’Istituto Italiano di Cultura a Tirana, in Germania per il Consolato Italiano a Saarbruken e Stoccarda, in Spagna (Real Monasterio de San Lorenzo de El Escorial, Festival Internacional de Santander), in Portogallo ed in Giappone, nel 2005, 2007, 2009 e 2011. Ha partecipato a trasmissioni televisive e radiofoniche della RAI (RAIUNO, RAIDUE, RADIORAI). Con il Quintetto a Plettro Giuseppe Anedda da lui fondato si è esibito presso la Cappella Paolina del Quirinale a Roma. Il concerto è stato trasmesso in diretta radiofonica su Radio 3. Dal 2008 è docente di Mandolino presso il Conservatorio di Musica “V. Bellini” di Palermo. Si esibisce con il mandolino appartenuto a Giuseppe Anedda.